Attualità

16 Novembre 2022

“Ristorazione”, per il bonus extra, de minimis entro il 21 novembre

Lunedì 21 novembre è l’ultimo giorno utile per trasmettere all’Agenzia delle entrate la prevista dichiarazione relativa agli aiuti “de minimis” ottenuti dalle imprese che operano del settore della ristorazione, dei bar e del catering per eventi, per ricevere il via libera definitivo all’erogazione del “supplemento” al contributo a fondo perduto già ottenuto a ristoro delle perdite derivanti dalla pandemia.

Modulo e istruzioni, modalità e termini di presentazione dell’attestazione sono stati approvati con il provvedimento del direttore dell’Agenzia dello scorso 2 novembre (vedi articolo “Contributo extra per la ristorazione, solo un’autodichiarazione per averlo”).

Destinatarie dell’ulteriore sovvenzione contenuta nel Pnrr (articolo 1, comma 17-bis, Dl n. 152/2021), sono le imprese che, avendone i requisiti, hanno già beneficiato del precedente contributo “wedding/Horeca” previsto dal decreto “Sostegni-bis” (articolo 1-ter, comma 1, del decreto legge n. 73/2021). Di conseguenza, anche in questo caso, l’extra è rivolto agli operatori che svolgono attività prevalente appartenente ai codici Ateco 2007 56.10 (ristorazione, anche da asporto o connessa alle imprese agricole o ancora ambulante e gelaterie e pasticcerie), 56.21 (catering per eventi/banqueting) o 56.30 (bar), secondo quanto comunicato all’Agenzia delle entrate con il modello AA7/AA9.

Le modalità attuative della maggiorazione sono state messe a punto nel decreto del ministero dello Sviluppo economico di concerto con i ministeri del Turismo e dell’Economia e delle Finanze del 29 aprile 2022. Il decreto ha individuato la platea dei beneficiari e definito i requisiti e le regole di ripartizione dei fondi stanziati (10 milioni di euro), assegnando all’Agenzia delle entrate il compito di erogare il cfp.
Per ottenere la maggiorazione, gli operatori, a integrazione delle attestazioni già fornite con l’istanza di accesso al bonuswedding/Horeca”, devono trasmettere, entro, appunto, il 21 novembre, all’Agenzia delle entrate, un’autodichiarazione attestante il rispetto del limite triennale di aiuti di Stato previsto dal regime “de minimis”. Nel modello, in particolare, devono essere indicati gli aiuti ottenuti con riferimento a tale regime, la cui registrazione nel Registro nazionale degli aiuti di Stato (Rna) è avvenuta o avverrà nel triennio 2022-2024.

La dichiarazione deve essere inviata online, compilando l’apposito modello approvato con il provvedimento del 2 novembre su richiamato, tramite la procedura web accessibile dall’area riservata del portale “Fatture e corrispettivi” del sito dell’Agenzia delle entrate. Può effettuare la trasmissione direttamente il dichiarante oppure un intermediario in possesso della delega di consultazione del cassetto fiscale dell’impresa o di delega alla “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici” del portale “Fatture e Corrispettivi”.

L’ammontare del contributo riconosciuto sarà determinato soltanto a fine istruttoria delle istanze pervenute e in base agli stanziamenti disponibili (10 milioni di euro). L’esito delle domande, di avvenuta erogazione o di scarto motivato della richiesta, potrà essere conosciuto dai richiedenti consultando la sezione “Contributi a fondo perduto” del portale “Fatture e corrispettivi” e tramite rilascio di una ricevuta.

Come stabilito dal decreto interministeriale, l’Agenzia delle entrate distribuirà la dote riservando:

  • il 70% dei fondi all’intera platea degli aventi diritto indipendentemente dai ricavi ottenuti nel 2019 indicati nell’istanza relativa al precedente contributo “wedding/Horeca”
  • il 20% ai soggetti con ricavi 2019 superiori a 100mila euro
  • il 10% tra agli operatori con ricavi 2019 superiori a 300mila euro.

Il provvedimento del 2 novembre specifica, inoltre, che il contributo a fondo perduto riconosciuto a ciascuna impresa è pari al minore tra l’importo spettante e la somma residua degli aiuti ancora fruibili, determinata in base all’ammontare di aiuti in regime “de minimis” indicato nell’autodichiarazione.
I beneficiari troveranno la “maggiorazione bar/ristoranti” direttamente sul conto corrente sul quale è stato erogato il precedente contributo. Importo ed emissione del mandato di pagamento sono comunicati all’interno del portale “Fatture e corrispettivi”, sezione “Contributo a fondo perduto – Consultazione esito”.

“Ristorazione”, per il bonus extra, de minimis entro il 21 novembre

Ultimi articoli

Attualità 18 Luglio 2024

I servizi dell’Agenzia delle entrate, sempre di più e tutti in una guida

Vuoi usare i servizi dell’Agenzia, ma non sei pratico di pc? Devi richiedere la tessera sanitaria, aprire una partita Iva, registrare un atto o un contratto, consultare i dati dei tuoi immobili? La risposta a queste e altre domande è nella nuova guida “I servizi dell’Agenzia delle entrate”, online nella sezione “l’Agenzia informa” e su questa rivista.

Normativa e prassi 18 Luglio 2024

Esenzione Imu enti non commerciali, in una circolare indicazioni dal Mef

Il dipartimento delle finanze, con la circolare n.

Attualità 17 Luglio 2024

Dichiarazione delle informazioni Globe, l’Ocse avvia la consultazione pubblica

È online una consultazione pubblica, lanciata dall’Ocse lo scorso 10 luglio, riguardante la user guide con lo schema Xml per la dichiarazione delle informazioni GloBe (GloBe Information Return), al fine di facilitare la presentazione dei Gir nazionali e di specificare nel dettaglio il formato tecnico per lo scambio di informazioni Gir tra le Amministrazioni fiscali.

Attualità 17 Luglio 2024

Bonus videogiochi 2024: assegnazione disponibile online

È stato pubblicato sul sito del Mic il decreto direttoriale del 16 luglio 2024 che contiene l’esito dell’istruttoria effettuata sull’ammissibilità delle richieste definitive (a consuntivo) di credito d’imposta pervenute per la produzione di videogiochi di nazionalità italiana.

torna all'inizio del contenuto
Apri chat
Ti serve aiuto?
Ciao 👋
Come posso aiutarti?