Attualità

12 Agosto 2020

Contributo a fondo perduto: siamo arrivati al rush finale

Ancora 24 ore prima dello stop. Infatti, c’è ancora tempo fino a domani, giovedì 13 agosto, per compilare e inviare alle Entrate l’istanza finalizzata all’ottenimento del contributo a fondo perduto introdotto dal decreto “Rilancio” (Dl n. 34/2020). Molteplici i soggetti interessati dalla scadenza oramai prossima al traguardo, tra cui gli esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita Iva. Si rammenta che nel caso di eredi che comunque intendono richiedere il bonus, in quanto proseguono l’attività di contribuenti deceduti, la finestra temporale utile per presentare l’istanza resterà aperta fino al 24 agosto.

Come richiedere il contributo, la procedura web delle Entrate
Il bonus a fondo perduto può essere richiesto compilando elettronicamente una specifica istanza. In pratica (vedi articolo “Contributo a fondo perduto”: la circolare con i chiarimenti”), il modello per la richiesta potrà essere predisposto e inviato, anche avvalendosi di un intermediario, utilizzando un software e il canale telematico Entratel/Fisconline, oppure, tramite una specifica procedura web che l’Agenzia delle entrate ha attivato all’interno del portale Fatture e Corrispettivi all’interno del sito istituzionale. Inoltre, come già accennato, il contribuente potrà avvalersi degli intermediari che ha già delegato al suo Cassetto fiscale o al servizio di Consultazione delle fatture elettroniche. Riguardo alle modalità specifiche da seguire, sarà possibile accedere alla procedura con le credenziali Fisconline o Entratel dell’Agenzia oppure tramite Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, o ancora, mediante la Carta nazionale dei Servizi (Cns). Una volta ricevute le istanze, per ogni domanda, il sistema dell’Agenzia effettuerà due elaborazioni successive relative ai controlli formali e sostanziali. L’esito delle due elaborazioni sarà comunicato con apposite ricevute restituite al soggetto che ha trasmesso l’istanza. (vedi articolo “Contributo a fondo perduto: siamo ai blocchi di partenza”),

Il kit completo delle Entrate con istruzioni, modalità e contenuti per i contribuenti interessati al bonus
L’Agenzia ha messo a disposizione un’apposita guida “Contributo a fondo perduto”, consultabile online sul sito istituzionale nella sezione “L’Agenziainforma” dedicata alle guide fiscali e disponibile anche in lingua tedesca, “Verlustbeitrag”, che spiega in dettaglio la misura, specificando chi rientra tra i potenziali soggetti interessati, il calcolo del contributo, nonché fornendo le indicazioni utili per richiederlo. E’ inoltre presente, sul sito delle Entrate, un’area tematica, uno spazio ad hoc dedicato al contributo a fondo perduto con i link per l’avvio delle due diverse procedure e le istruzioni per la compilazione, nonché con tutti i riferimenti di normativa e prassi.
 
Bonus ad ampio raggio
Peraltro, tornando a quanto prima accennato riguardo i soggetti potenziali beneficiari del contributo, ricordiamo che possono accedere al beneficio anche le società in liquidazione in possesso dei requisiti previsti dalla norma, a condizione che la fase di liquidazione sia stata avviata successivamente al 31 gennaio 2020 (data della dichiarazione dello stato di emergenza sanitaria). E ancora, l’aiuto può essere concesso anche alle microimprese o alle piccole imprese che risultavano già in difficoltà al 31 dicembre 2019, purché non siano soggette a procedure concorsuali per insolvenza ai sensi del diritto nazionale e non abbiano ricevuto aiuti per il salvataggio (che non abbiano rimborsato) o aiuti (vedi articolo “Contributo fondo perduto: nuovi chiarimenti sulla fruizione”).

Condividi su:
Contributo a fondo perduto: siamo arrivati al rush finale

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto