Dati e statistiche

7 Dicembre 2023

Mercato immobiliare delle abitazioni: in ripresa nel terzo trimestre 2023

Il mercato immobiliare residenziale nel terzo trimestre del 2023, con circa 18mila abitazioni in meno compravendute in ambito nazionale rispetto all’analogo trimestre del 2022, registra ancora una volta un segno di variazione annua negativo (-10,4%), ma più contenuto rispetto a quello registrato nel secondo trimestre (-16%). Questo è il primo risultato di sintesi che emerge dalle Statistiche trimestrali sul mercato immobiliare Residenziale, redatte a cura dell’Osservatorio del mercato immobiliare, disponibile in rete da oggi, 7 dicembre 2023, nell’apposita sezione del portale dell’Agenzia delle entrate.
La pubblicazione presenta, come di consueto, uno sguardo generale sulle dinamiche del mercato delle abitazioni relative al terzo trimestre 2023, con dettaglio fornito per area territoriale e per le maggiori città.
Sono state circa 157mila le compravendite immobiliari residenziali effettuate tra luglio e settembre 2023, oltre il 31% concentrate nei comuni capoluogo di provincia, che mostrano un calo di un punto rispetto al dato nazionale. Osservando le variazioni per mese, la flessione maggiore si osserva in agosto (-13,5%), più marcata in corrispondenza delle città capoluogo (-16,3%).

Nell’intero trimestre, il calo più contenuto si è rilevato nelle Isole (-6,3%) e al Sud (-7,3%), mentre nel Nord Est e al Centro, dove si concentra circa il 40% delle compravendite nazionali, si registra la tendenza negativa più accentuata, con una contrazione prossima al 13 per cento.

tabella con NTN 2022/2023 per area territoriale

La diminuzione degli scambi coinvolge tutti i tagli dimensionali e aumenta al crescere della grandezza delle abitazioni, partendo da -8% per le unità immobiliari di taglio piccolo, inferiore agli 85 m2, e arrivando a -11,9% per quelle che superano i 145 m2.
Con oltre 48mila compravendite, si conferma la classe dimensionale intermedia tra 85 m2 e 115 m2 quella con maggiore quota di transazioni (31% circa). Nel complesso, la superficie media delle abitazioni compravendute nel terzo trimestre 2023, rispetto al I trimestre 2022, è in leggera diminuzione di 0,8 m2 e si attesta intorno ai 107 m2.

Nel periodo osservato, la percentuale delle transazioni effettuate usufruendo dell’agevolazione “prima casa” (rapportata al totale delle abitazioni acquistate dalle persone fisiche) è in diminuzione rispetto allo scorso trimestre, ed è pari al 62% circa delle unità, più bassa di oltre 5 punti percentuali rispetto alla quota osservata nel terzo trimestre del 2022.

Registra un leggero rialzo il dato riferito alla quota degli acquisti di abitazioni da parte di persone fisiche finanziate da mutui con ipoteca iscritta sull’immobile compravenduto, 41,3% a fronte del 40,1% del trimestre precedente, ma, comunque, la variazione annua del numero di immobili in compravendite assistite da mutuo ipotecario si attesta a -25,5% rispetto all’analogo trimestre del 2022, in totale 21mila in meno. Migliora, tuttavia, il tasso medio di interesse, stabilito alla sottoscrizione dell’atto di mutuo, che in questo terzo trimestre 2023 cala al 4,25%, per la prima volta negli ultimi due anni, registrando una diminuzione di 6 punti base. Il capitale di debito, contratto dalle persone fisiche per acquistare abitazioni, ammonta a circa 8 miliardi di euro, circa 3,5 miliardi di euro in meno dell’omologo trimestre del 2022 (-30,1%).

È stato stimato, nel periodo luglio-settembre, l’acquisto di circa 12.700 abitazioni di nuova costruzione, pari all’8,6% del totale delle unità residenziali compravendute; rispetto all’omologo trimestre del 2022 si registra ancora una flessione dei volumi di scambio di questa tipologia di immobili -16%, circa sei punti percentuali in meno rispetto alla variazione calcolata sul complesso delle abitazioni esistenti (-10% circa).

Le pertinenze
Il segmento dei depositi pertinenziali, per lo più costituito da cantine e soffitte, con oltre 31mila unità scambiate, registra una diminuzione con una variazione tendenziale, sul 2022, del 7,7%, che attenua la tendenza al ribasso rilevata nello scorso trimestre (-14,4%). Nei comuni capoluogo, dove sono state acquistate nel periodo analizzato circa 12mila unità, la decrescita è meno accentuata (-5,7%) rispetto a quella registrata nei comuni minori, dove gli acquisti hanno riguardato circa 20mila unità e la diminuzione è del 8,8 per cento.
Anche il segmento di mercato di box e posti auto segna una diminuzione pari all’11,4% rispetto al terzo trimestre dello scorso anno. La disaggregazione territoriale evidenzia tassi tendenziali negativi in tutte le aree, più consistenti a Centro (-15,2%).

Il punto sulle grandi città
I dati delle compravendite di abitazioni nel terzo trimestre del 2023 relativi alle otto principali città italiane per popolazione, che rappresentano il 15% del totale delle transazioni nazionali, evidenziano una variazione tendenziale annua negativa del 10,3%, in linea con il dato nazionale, con oltre 2.700 abitazioni acquistate in meno nel terzo trimestre 2023 rispetto allo stesso periodo del 2022.
I tassi sono negativi per tutte le città, a Firenze la flessione più significativa, con un calo di compravendite del 17,9%, si accoda Roma, con una diminuzione del 13% circa. Più contenuta la decrescita a Napoli, dove la diminuzione è dell’1,9%, Milano e Genova registrano una perdita del 9% circa, mentre per Torino, Bologna e Palermo il dato risulta sostanzialmente in linea con quello nazionale.

grafico con NTN 2022/2023 per grandi città

Mercato immobiliare delle abitazioni: in ripresa nel terzo trimestre 2023

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Febbraio 2024

Nuovo tassello per la Riforma fiscale, approdo per accertamento e concordato

Sbarca nella Gazzetta Ufficiale di ieri, 21 febbraio 2024, con la serie n.

Normativa e prassi 22 Febbraio 2024

Scelte di utilizzo bonus edilizi, comunicazioni entro il 4 aprile

L’invio delle comunicazioni delle opzioni relative alla fruizione dei bonus edilizi (articolo 121, Dl n.

Normativa e prassi 22 Febbraio 2024

Bonus edilizi 2023 entro il 4 aprile, più tempo per gli amministratori

Oltre due settimane in più per gli amministratori di condominio tenuti a inviare al Fisco i dati relativi agli interventi di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico effettuati nel 2023, per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni degli edifici residenziali ai fini dell’invio delle informazioni destinate a confluire nella precompilata 2024.

Normativa e prassi 21 Febbraio 2024

Raggruppamenti temporanei, la mandataria fattura per tutti

Così come chiarito nel principio di diritto n. 17/2018 (vedi “Raggruppamento temporaneo di imprese.

torna all'inizio del contenuto