Normativa e prassi

11 Novembre 2021

“Sanificazione”, pronto il codice per utilizzare il bonus con l’F24

Ieri il provvedimento con il quale è stato stabilito che i beneficiari del credito d’imposta “sanificazione” potranno spendere il 100% del bonus richiesto (vedi articolo “Bonus sanificazione al 100%, fatti i conti, non occorrono tagli”) e oggi, 11 novembre 2021, la risoluzione n. 64 dell’Agenzia delle entrate che istituisce il codice tributo “6951”, necessario per consentire l’utilizzo in compensazione del contributo tramite presentazione del modello F24.

Stiamo parlando del tax credit previsto dall’articolo 32 del decreto “Sostegni-bis”, pari al 30% delle spese sostenute nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi diretti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per Covid-19.
Il provvedimento del 15 luglio del direttore dell’Agenzia ha fissato i criteri e le modalità di applicazione e fruizione del credito d’imposta, prevedendo, tra l’altro, che l’indennizzo può essere utilizzato, oltre che in sede di dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2021, anche in compensazione presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.
Il bonus spetta fino a un massimo di 60mila euro per ciascun beneficiario e non può superare il 30% delle spese agevolabili.

Il credito può essere utilizzato in compensazione da oggi, ossia dal giorno successivo al provvedimento che ha stabilito la percentuale del contributo attribuibile a ogni richiedente in base alle risorse disponibili e all’ammontare complessivo dei crediti richiesti. Come abbiamo visto i fondi sono risultati superiori all’importo richiesto dai contribuenti, quindi, i beneficiari potranno utilizzare per intero la somma spettante. Il credito d’imposta fruibile può essere visualizzato tramite il proprio cassetto fiscale, accessibile dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.

Chi intende sfruttare il credito con il modello F24 dovrà, quindi, indicare nella delega di pagamento il codice tributo:

  • 6951” denominato “Credito d’imposta sanificazione e acquisto dispositivi di protezione – articolo 32 del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73”.

L’identificativo trova il suo posto nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”, oppure, nei casi in cui il contribuente proceda al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”.
Nel campo “anno di riferimento” deve essere sempre indicato il valore “2021”.

Condividi su:
“Sanificazione”, pronto il codice per utilizzare il bonus con l’F24

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Bonus edilizi e Superbonus, il punto su visto di conformità e asseverazione

Con la circolare del n. 16/E, firmata oggi, 29 novembre 2021, dal direttore Ruffini, l’Agenzia delle entrate, a pochi giorni dalla pubblicazione delle Faq (vedi articolo “Decreto “Antifrodi” sui bonus edilizi, le risposte ai dubbi dei contribuenti”), fornisce ulteriori chiarimenti a contribuenti e operatori sull’applicazione del decreto “Antifrodi” (il Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cpf “discoteche”, tutto pronto, dal 2 dicembre il via alle istanze

Con la firma del provvedimento del 29 novembre 2021, il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, porta ad attuazione l’articolo 2 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cfp perequativo del “Sostegni-bis”: istanze a partire da oggi, 29 novembre

Via libera al contributo a fondo perduto “perequativo”, l’ulteriore aiuto di Stato per gli operatori economici danneggiati dall’emergenza Covid-2019, basato sull’intero peggioramento del risultato economico delle imprese, come previsto dal decreto Sostegni-bis (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Fondo pensione transfrontaliero: adesioni italiane senza sostitutiva

Un fondo pensione transfrontaliero, non residente in Italia e senza stabile organizzazione, istituito su iniziativa della Commissione europea, che opera a livello cross-border raccogliendo adesioni su base collettiva anche in Italia, non dovrà applicare l’imposta sostitutiva del 20% sul risultato netto di gestione (articolo 17 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto