Attualità

14 Ottobre 2021

Tax credit sponsorizzazioni sportive, primo step superato dai candidati

Pubblicato, sul sito del dipartimento per lo Sport, l’elenco provvisorio dei beneficiari del credito di imposta 2020 per gli investimenti in sponsorizzazioni nei confronti degli organismi sportivi. Gli appartenenti alla lista hanno superato con esito positivo il primo esame, effettuato sulla base della documentazione pervenuta, per il riconoscimento dell’incentivo.
Per stabilire l’entità e l’ammissibilità del bonus effettivo, pari al 50% dell’investimento effettuato, occorre aspettare l’inserimento dei dati nel Registro nazionale degli aiuti di Stato da parte del dipartimento e i controlli dell’Agenzia delle entrate circa la presenza di eventuali carichi pendenti.
Il termine ultimo per la presentazione delle domande relative all’annualità 2020 era il 1° aprile 2021. In totale 2.400 le domande inviate.

Gli aspiranti candidati che non trovano il loro nominativo o la ragione sociale nell’elenco o che seppur presenti riscontrano inesattezze sull’ammontare del tax credit attribuito o altre imprecisioni relative ai dati indicati possono richiedere informazioni: il lunedì e il martedì, dalle 9 alle 12, allo 06 6779 5144, il giovedì e il venerdì, dalla 10 alle 13 allo 06 6779 6428.

Stiamo parlando, naturalmente, del contributo previsto dal decreto “Agosto” (articolo 81, comma 1, Dl n. 104/2020) a favore di lavoratori autonomi, imprese ed enti non commerciali, che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie, incluse le sponsorizzazioni, nei confronti di leghe che organizzano campionati nazionali a squadre nell’ambito delle discipline olimpiche oppure società sportive professionistiche e società e associazioni sportive dilettantistiche iscritte al Coni che operano in discipline ammesse ai giochi olimpici e che svolgono attività sportiva giovanile. L’agevolazione riguardava, originariamente, le spese sostenute nel periodo 1° luglio-31 dicembre 2020 (vedi articolo “Il fisco nel decreto “Agosto” – 2, bonus per gli sponsor della squadra”), ma è stata prorogata, dal decreto “Sostegni-bis” anche alle spese sostenute per tutto il 2021. Le istruzione per la presentazione delle domande riguardanti il 2021 saranno pubblicate sul sito del dipartimento dello Sport a inizio 2022.

Per completezza si ricorda che le disposizioni attuative della misura sono contenute nel Dpcm 30 dicembre 2020. Il decreto ha definito i beneficiari del credito, le informazioni da inserire nella domanda, i casi di esclusione, le procedure di concessione e di utilizzo della somma, la documentazione richiesta, le modalità di controllo ai fini del rispetto della norma e del tetto di spesa fissato dallo stanziamento dei fondi destinati allo scopo.

Condividi su:
Tax credit sponsorizzazioni sportive, primo step superato dai candidati

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto