Attualità

6 Settembre 2021

Imprese in crisi causa Covid-19: termini per accedere al fondo Mise

Le grandi imprese, in difficoltà temporanea a causa della pandemia, potranno inviare, dalle ore 12 del 20 settembre e fino alle 11,59 del 2 novembre 2021, le richieste di accesso al fondo da 400 milioni di euro istituito presso il ministero dello Sviluppo economico e previsto dall’articolo 37 del decreto “Sostegni”. Sul sito del Mise pubblicato il decreto direttoriale del 3 settembre che fissa termini e modalità per il riconoscimento dell’incentivo.
Le domande potranno essere presentate esclusivamente per via telematica attraverso la procedura informatica disponibile sul sito di Invitalia. Sulla stessa piattaforma,  prima dell’apertura dei termini per l’invio delle istanze, sarà disponibile anche la modulistica da utilizzare.
 
La misura è stata introdotta con lo scopo di facilitare il rilancio e la continuità delle attività che, nonostante la crisi innescata dal Covid-19, presentano valide premesse per una pronta ripresa una volta fuori dalla situazione emergenziale. Il beneficio è destinato alle aziende, anche in amministrazione straordinaria, che operano in Italia, con minimo 250 dipendenti e con fatturato superiore ai 50 milioni di euro o un bilancio superiore ai 43 milioni.
 
Il Mise agirà, attraverso il fondo gestito da Invitalia, con la concessione di finanziamenti agevolati rimborsabili in 5 anni. Il riconoscimento dell’agevolazione è subordinato alla presentazione di un piano di rilancio dell’impresa e di tutelare l’occupazione.

Condividi su:
Imprese in crisi causa Covid-19: termini per accedere al fondo Mise

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto