Dati e statistiche

6 Settembre 2021

Entrate tributarie: gennaio-luglio 2021 gettito pari a 257,4 miliardi di euro

Entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica ancora in crescita nei primi sette mesi del 2021. Il loro importo complessivo ammonta a 257.445 milioni di euro, con un incremento di 26.497 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+11,5%).
È quanto si evince nel comunicato elaborato dal dipartimento delle Finanze del Mef, accompagnato dal consueto Bollettino, insieme alla relativa Nota tecnica e alle Appendici statistiche.
Il confronto tra i primi sette mesi del 2021 e quelli del corrispondente periodo dello scorso anno evidenzia ancora un carattere di disomogeneità per effetto del lockdown e delle misure economiche attuate per affrontare l’emergenza sanitaria. Inoltre, i provvedimenti di sospensione e proroga dei versamenti di tributi erariali, emanati nel corso dell’ultimo trimestre del 2020, continuano a influenzare il gettito relativo ai primi sette mesi del 2021 modificando il consueto profilo temporale dei versamenti delle imposte.
La diminuzione del gettito delle imposte dirette del 12,5% (pari a -3.714 milioni di euro), seppur compensata dall’incremento del 21,1% (pari a +3.136 milioni di euro) delle imposte indirette ha comunque determinato una variazione negativa pari a 578 milioni di eur0 (-13%) delle entrate tributarie del mese di luglio.

Come di consueto vediamo l’apporto delle diverse imposte al gettito di questo periodfo.

Imposte dirette
Il loro ammontare complessivo è pari a 143.964 milioni di euro, in crescita di 5.760 milioni di euro (+4,2%).
L’Irpef contribuisce per 112.346 milioni di euro con un incremento di 6.831 milioni di euro (+6,5%), dovuto sostanzialmente all’andamento positivo delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (+5.198 milioni di euro, +11,3%) il cui gettito ha beneficiato della proroga disposta dal decreto “Ristori” a favore dei sostituti d’imposta che, dal mese di marzo 2021, hanno effettuato il versamento delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati e su indennità di cessazione del rapporto di collaborazione a progetto corrisposti negli ultimi tre mesi del 2020.
A questo si affianca l’andamento delle ritenute effettuate sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+765 milioni di euro, +1,6%) e di quelle sui lavoratori autonomi (+802 milioni di euro, +13,2%) anch’essi positivi. In leggera contrazione i versamenti Irpef da autoliquidazione che evidenziano una variazione negativa del gettito pari a 350 milioni di euro (-6,4%).
Danno il loro apporto positivo anche gli andamenti dell’imposta sostitutiva sui redditi nonché ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale (+775 milioni di euro, +14,2%) e delle ritenute sugli utili distribuiti dalle persone giuridiche (+651 milioni di euro, +64,8%), mentre l’Ires fa registrare un gettito pari a 10.091 milioni di euro (-4.851 milioni di euro, -32,5%).

Imposte indirette
L’importo totale nel periodo preso a riferimento ammonta a 113.481 milioni di euro, in aumento di 20.737 milioni di euro (+22,4%), dovuto essenzialmente al gettito Iva (+15.803 milioni di euro, +27,7%) e, in particolare, a quello dell’Iva interna (+13.702 milioni di euro, +26,8%); l’Iva sulle  importazioni ha evidenziato un incremento del gettito (+2.101 milioni di euro, +35,5%).
Negativo l’andamento delle entrate dell’imposta sulle assicurazioni (-85 milioni di euro, -17,3%) e quello dell’imposta di bollo (-38 milioni di euro, -0,9%), mentre l’imposta di registro fa risaltare una crescita del 43,9% (+958 milioni di euro).

Entrate da giochi e da accertamento e controllo
Le entrate riguardanti i “giochi” ammontano a 6.268 milioni di euro (+1.077 milioni di euro, pari a +20,7%).
Per quanto riguarda le entrate derivanti da attività di accertamento e controllo l’importo è pari a 4.294 milioni di euro (-551 milioni di euro, -11,4%) di cui: 2.134 milioni di euro (-103 milioni di euro -4,6%) sono affluiti dalle imposte dirette e 2.160 milioni di euro (-448 milioni di euro, –17,2%) dalle imposte indirette.

Condividi su:
Entrate tributarie: gennaio-luglio 2021 gettito pari a 257,4 miliardi di euro

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto