Normativa e prassi

4 Settembre 2021

Cfp per le locazioni ridotte, le domande slittano al 6 ottobre

Più tempo per richiedere il contributo a fondo perduto a favore delle locazioni ridotte. Al fine di consentire la fruizione dell’agevolazione a un maggior numero di contribuenti e tenuto conto che l’intervallo temporale per la presentazione dell’istanza è coinciso con il periodo estivo, l’Agenzia delle entrate con un provvedimento siglato oggi, 4 settembre 2021, dal direttore Ernesto Maria Ruffini, differisce al 6 ottobre 2021 il termine di presentazione delle istanze, inizialmente fissato al 6 settembre.

Entro lo stesso termine del 6 ottobre dovranno essere inviate eventuali istanze sostitutive di quelle precedentemente trasmesse, mentre resta invariato il termine del 31 dicembre 2021 per l’invio della rinuncia al contributo, previsto dal provvedimento del 6 luglio 2021.

Il contributo, come di consueto, va richiesto in modalità telematica, dai locatori, o dagli intermediari autorizzati ad accedere al cassetto fiscale, tramite l’apposito servizio disponibile sul sito dell’Agenzia, seguendo il percorso “Servizi per” – “Comunicare” – “Istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto per la riduzione dell’importo del canone di locazione”.
L’erogazione delle somme avverrà dopo il 31 dicembre 2021 in base ai nuovi contratti ridotti effettivamente accordati e indicati dai locatori nelle istanze e regolarmente comunicati all’Agenzia.
La riduzione deve riguardare i contratti in essere al 29 ottobre 2020 relativi a immobili adibiti ad abitazione principale che si trovano in uno dei Comuni ad alta densità abitativa (si veda fra l’altro la delibera Cipe n. 87/2003) e deve interessare il canone del 2021, anche parzialmente. Inoltre, il nuovo contratto deve decorrere dal 25 dicembre 2020 (data di entrata in vigore della legge di conversione istitutiva del contributo) e la comunicazione all’Agenzia della rinegoziazione va trasmessa entro il 31 dicembre 2021.

Si ricorda che il bonus è finalizzato a incentivare i locatori a rinegoziare i canoni di locazione per l’anno 2021 per una maggiore sostenibilità degli affitti da parte dei conduttori in difficoltà economica a causa dell’emergenza sanitaria. Introdotto dal Dl Ristori (articolo 9-quater del Dl n. 137/2020), il contributo è pari al 50% della riduzione del canone per un importo massimo di 1.200 euro annui. Con il provvedimento dell’agenzia  del 6 luglio 2021 è stato approvato il modello per l’invio delle istanze, con le relative istruzioni (vedi articolo “Cfp per riduzione canoni affitti: definito il modello per ottenerlo“). Nella sezione “l’Agenzia informa” del sito delle Entrate è disponibile, inoltre, la guida dedicata “Il contributo a fondo perduto per la riduzione degli affitti”.

Da ultimo, il provvedimento di oggi proroga la scadenza per le istanze al 6 ottobre 2021.

Condividi su:
Cfp per le locazioni ridotte, le domande slittano al 6 ottobre

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto