Normativa e prassi

4 Settembre 2021

Cfp per le locazioni ridotte, le domande slittano al 6 ottobre

Più tempo per richiedere il contributo a fondo perduto a favore delle locazioni ridotte. Al fine di consentire la fruizione dell’agevolazione a un maggior numero di contribuenti e tenuto conto che l’intervallo temporale per la presentazione dell’istanza è coinciso con il periodo estivo, l’Agenzia delle entrate con un provvedimento siglato oggi, 4 settembre 2021, dal direttore Ernesto Maria Ruffini, differisce al 6 ottobre 2021 il termine di presentazione delle istanze, inizialmente fissato al 6 settembre.

Entro lo stesso termine del 6 ottobre dovranno essere inviate eventuali istanze sostitutive di quelle precedentemente trasmesse, mentre resta invariato il termine del 31 dicembre 2021 per l’invio della rinuncia al contributo, previsto dal provvedimento del 6 luglio 2021.

Il contributo, come di consueto, va richiesto in modalità telematica, dai locatori, o dagli intermediari autorizzati ad accedere al cassetto fiscale, tramite l’apposito servizio disponibile sul sito dell’Agenzia, seguendo il percorso “Servizi per” – “Comunicare” – “Istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto per la riduzione dell’importo del canone di locazione”.
L’erogazione delle somme avverrà dopo il 31 dicembre 2021 in base ai nuovi contratti ridotti effettivamente accordati e indicati dai locatori nelle istanze e regolarmente comunicati all’Agenzia.
La riduzione deve riguardare i contratti in essere al 29 ottobre 2020 relativi a immobili adibiti ad abitazione principale che si trovano in uno dei Comuni ad alta densità abitativa (si veda fra l’altro la delibera Cipe n. 87/2003) e deve interessare il canone del 2021, anche parzialmente. Inoltre, il nuovo contratto deve decorrere dal 25 dicembre 2020 (data di entrata in vigore della legge di conversione istitutiva del contributo) e la comunicazione all’Agenzia della rinegoziazione va trasmessa entro il 31 dicembre 2021.

Si ricorda che il bonus è finalizzato a incentivare i locatori a rinegoziare i canoni di locazione per l’anno 2021 per una maggiore sostenibilità degli affitti da parte dei conduttori in difficoltà economica a causa dell’emergenza sanitaria. Introdotto dal Dl Ristori (articolo 9-quater del Dl n. 137/2020), il contributo è pari al 50% della riduzione del canone per un importo massimo di 1.200 euro annui. Con il provvedimento dell’agenzia  del 6 luglio 2021 è stato approvato il modello per l’invio delle istanze, con le relative istruzioni (vedi articolo “Cfp per riduzione canoni affitti: definito il modello per ottenerlo“). Nella sezione “l’Agenzia informa” del sito delle Entrate è disponibile, inoltre, la guida dedicata “Il contributo a fondo perduto per la riduzione degli affitti”.

Da ultimo, il provvedimento di oggi proroga la scadenza per le istanze al 6 ottobre 2021.

Condividi su:
Cfp per le locazioni ridotte, le domande slittano al 6 ottobre

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto