Normativa e prassi

4 Settembre 2021

Cfp perequativo del “Sostegni-bis”, i campi di Redditi per ottenerlo

Individuati, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 4 settembre 2021, i campi delle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi d’imposta 2019 e 2020 necessari per determinare gli ammontari dei risultati economici d’esercizio da considerare ai fini del riconoscimento del contributo a fondo perduto previsto dall’articolo 1, commi da 16 a 27, del Dl “Sostegni-bis”.
 
Sono riportati nell’allegato A al provvedimento, il quale ricorda che, per sostenere gli operatori economici colpiti dall’emergenza epidemiologica, il decreto in questione ha previsto l’erogazione di un indennizzo  ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte e professione o che producono reddito agrario, titolari di partita Iva residenti o stabiliti nel territorio italiano, che nel secondo periodo di imposta antecedente a quello di entrata in vigore del Dl “Sostegni-bis” abbiano conseguito un ammontare di ricavi o di compensi non superiore a dieci milioni di euro.
 
Il contributo a fondo perduto in argomento spetta a condizione che vi sia un peggioramento del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta 2020, rispetto a quello del 2019, in misura pari o superiore alla percentuale definita con decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze. Aspettando l’emanazione del decreto, l’Agenzia intanto dà attuazione alla disposizione normativa che le affida il compito di individuare i descritti specifici campi delle dichiarazioni dei redditi.
 
Poi, a decreto emanato, approverà, sempre con provvedimento, il modello, le istruzioni e le specifiche tecniche per presentare telematicamente le istanze con cui richiedere il contributo.

Condividi su:
Cfp perequativo del “Sostegni-bis”, i campi di Redditi per ottenerlo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto