Normativa e prassi

26 Agosto 2021

Bonus locazioni decreto “Ristori”, il beneficio non riguarda le Asd

L’associazione sportiva dilettantistica, pur con codice attività compreso nell’allegato 1 del decreto “Ristori”, non può beneficiare del credito d’imposta introdotto dall’articolo 8 dello stesso decreto per i canoni di locazione dell’ultimo trimestre 2020. L’aiuto non è rivolto agli enti non commerciali che, invece, venivano espressamente richiamati dal comma 4 dell’articolo 28 del decreto “Rilancio” con riferimento al bonus affitti relativamente ai canoni corrisposti nei mesi di marzo, aprile e maggio e giugno. È il chiarimento fornito dall’Agenzia con la risposta n. 562 del 26 agosto 2021.

L’Agenzia ricorda che il decreto “Ristori” (Dl n. 137/2020) ha previsto l’estensione del credito d’imposta locazioni, introdotto dall’articolo 28 del decreto “Rilancio” per i canoni relativi a immobili a uso non abitativo e di affitto d’azienda, per i mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020, indipendentemente dai volume di ricavi del precedente periodo d’imposta, alle sole imprese operanti nei settori di specifici codici Ateco indicati nell’allegato 1 annesso allo stesso decreto legge.

L’articolo 8, comma 1 del decreto “Ristori”, infatti, prevede che “Per le imprese operanti nei settori di cui ai codici ATECO riportati nell’Allegato 1 al presente decreto, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente, il credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda di cui all’articolo 28 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, spetta altresì con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre”. Il successivo comma 2 dispone che “si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui al medesimo articolo 28 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77”.

Dunque, la norma ha disposto la fruibilità del bonus di cui all’articolo 28 del decreto “Rilancio” anche con riferimento ai canoni di locazione e di affitto di azienda relativi ai mesi dell’ultimo trimestre 2020. L’aiuto è destinato a quelle imprese che per il tipo di attività sono state molto particolarmente penalizzate dalle misure di contenimento connesse al Covid-19. La disposizione, quindi, non include gli enti non commerciali, espressamente menzionati nell’articolo 28 comma 4 del decreto “Rilancio” con riferimento al bonus locazioni di marzo, aprile e maggio e giugno.

L’Agenzia evidenzia fra l’altro che la dicitura “in quanto compatibili” contenuta nel citato articolo 8, comma 2 del decreto “Ristori”, non è volta ad ampliare il numero di beneficiari del bonus per i mesi di ottobre, novembre e dicembre, quanto piuttosto a richiamare il requisito del calo del fatturato di ciascun mese di riferimento (ottobre, novembre e dicembre 2020) di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente.

In conclusione, l’Agenzia ritiene che l’Asd istante non può fruire del credito d’imposta previsto dal decreto “Ristori” per i canoni di locazione dell’ultimo trimestre 2020.

Condividi su:
Bonus locazioni decreto “Ristori”, il beneficio non riguarda le Asd

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto