Normativa e prassi

26 Agosto 2021

Acquisto all’asta e con contratto, tempi differenziati per la vendita

Se si acquisisce con asta parte di un fabbricato usufruendo delle agevolazioni di cui all’articolo 16 del Dl n. 18/2016 e successivamente si acquista con compravendita la rimanente parte, pagando le imposte per intero, la condizione del trasferimento entro cinque anni vale solo per la parte di fabbricato comperato con agevolazioni. È il chiarimento dell’Agenzia delle entrate contenuto nella risposta n. 564 del 26 agosto 2021.

L’interpello è stato presentato da una società che si è aggiudicata all’asta ¾ di un fabbricato da ristrutturare o demolire beneficiando dell’agevolazione, prevista dall’articolo 16 del Dl n. 18/2016, e di aver acquistato successivamente, con regolare contratto di compravendita, il rimanente quarto dello stesso fabbricato, pagando le imposte di legge per intero.
In seguito la società, divenuta proprietaria dell’intero fabbricato, demoliva e ricostruiva, con regolare concessione edilizia quanto previsto dal piano regolatore comunale.
Descritti i fatti, la società chiede se in sede di vendita dell’intero fabbricato debba rispettare la prescrizione quinquennale per i soli 750 millesimi acquistati con l’agevolazione o se tale indicazione valga per la vendita di tutto l’edificio.
A suo parere, per evitare sanzioni, l’istante dovrà vendere i soli 750 millesimi del nuovo fabbricato edificato entro i termini stabiliti dal citato articolo 16, che prevede il trasferimento entro i cinque anni successivi dei beni immobili acquisiti nell’ambito di una procedura giudiziaria di espropriazione immobiliare a fronte del pagamento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura fissa di 200 euro. Diversamente, i rimanenti 250 millesimi del fabbricato, acquistati con regolare contratto di compravendita e pagamento delle relative imposte in misura ordinaria, potranno essere venduti oltre il termine quinquennale dall’acquisto.

L’Agenzia concorda con la società e richiama l’articolo 16 del Dl n. 18/2016 in cui si legge che “Gli atti e i provvedimenti recanti il trasferimento della proprietà o di diritti reali su beni immobili emessi, a favore di soggetti che svolgono attività d’impresa, nell’ambito di una procedura giudiziaria di espropriazione immobiliare di cui al libro III, titolo II, capo IV, del codice di procedura civile, ovvero di una procedura di vendita di cui all’ articolo 107 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, sono assoggettati alle imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura fissa di 200 euro ciascuna a condizione che l’acquirente dichiari che intende trasferirli entro cinque anni. Ove non si realizzi la condizione del ritrasferimento entro il quinquennio, le imposte di registro, ipotecaria e catastale sono dovute nella misura ordinaria e si applica una sanzione amministrativa del 30 per cento oltre agli interessi di mora di cui all’ articolo 55, comma 4, del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131. Dalla scadenza del quinquennio decorre il termine per il recupero delle imposte ordinarie da parte dell’amministrazione finanziaria”.

Riguardo al quesito in esame, l’Agenzia ritiene che il ritrasferimento entro il quinquennio va riferito ai soli ¾ del nuovo fabbricato “agevolati”, mentre la restante parte, acquistata con regolare contratto di compravendita e con pagamento delle regolari imposte, può essere venduta liberamente. L’istante infatti ha beneficiato delle agevolazioni, di cui all’articolo 16 sopra riportato, per i soli 750 millesimi di proprietà.

Per procedere alla vendita, conclude l’Agenzia, l’istante dovrà adottare un criterio oggettivo basato sulla ripartizione millesimale della nuova costruzione, cosicché la condizione del ritrasferimento entro il quinquennio riguardi non l’intero fabbricato ma esclusivamente il 75% dell’immobile.

Condividi su:
Acquisto all’asta e con contratto, tempi differenziati per la vendita

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto