Normativa e prassi

27 Luglio 2021

Superbonus all’usufruttario estero, anche con casa segregata in un trust

Via libera al Superbonus per l’usufruttuario estero di un’unità abitativa residenziale, sulla quale sosterrà spese relative a interventi antisismici e di riqualificazione energetica. Questo anche se l’immobile è segregato in un trust, il cui disponente e trustee è il figlio, e anche se l’usufruttuario è titolare del solo reddito fondiario derivante dall’immobile. Infatti, sostiene l’Agenzia delle entrate nella risposta n. 498 del 21 luglio 2021, lo stesso potrà accedere all’agevolazione scegliendo le altre modalità di utilizzo della stessa (sconto in fattura o cessione del credito), in luogo della detrazione diretta.

Il cittadino estero istante, nel chiedere lumi all’Amministrazione finanziaria, racconta di aver acquistato con sua moglie, in Italia, l’immobile in questione, destinandolo al figlio. Quest’ultimo lo ha attribuito in un trust di tipo “autodichiarato” del quale ha assunto anche il ruolo di disponente e di trustee, nominando i genitori stessi beneficiari e, alla loro scomparsa, tutti e cinque i figli. In seguito, l’immobile è stato frazionato in quattro distinti appartamenti, due dei quali stanno per essere ceduti in usufrutto all’istante e a sua moglie. Lui e la consorte, come anticipato, intendono sostenere sulle singole unità immobiliari e sulle parti comuni spese per lavori ammessi al Superbonus (articolo 119, Dl “Rilancio”). L’istante, inoltre, aggiunge che, in relazione a tali spese, vorrebbe optare per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante oppure per lo sconto in fattura, in quanto non possiede un’imposta lorda sulla quale operare la detrazione del 110 per cento.

Per l’Agenzia, trattandosi di un trust “autodichiarato” la proprietà dell’edificio è attribuita al disponente (figlio dell’istante), ma, in applicazione dell’attuale versione del comma 9, lettera a), dell’articolo 119, il Superbonus potrà essere applicato, anche in capo all’usufruttuario, a condizione che, come chiarito nella circolare 24/2020, lo stesso sostenga le spese e che l’usufrutto risulti al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese, se antecedente all’avvio.

Riguardo invece alla dichiarata incapienza che, sempre come chiarito nella richiamata circolare n. 24/2020, dovrebbe sbarrare la strada all’agevolazione, in quanto la stessa non spetta a coloro che non possiedono redditi imponibili (ad esempio le persone fisiche non fiscalmente residenti in Italia che detengono l’immobile oggetto degli interventi in base a un contratto di locazione o di comodato), l’Agenzia sottolinea, come auspicato dall’istante, che gli stessi possono tuttavia optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, per le modalità alternative previste dall’articolo 121 del Dl “Rilancio”. Ciò vale anche nel caso di titolare del diritto di usufrutto, in capo al quale è imputabile il reddito fondiario derivante dall’immobile.

Condividi su:
Superbonus all’usufruttario estero, anche con casa segregata in un trust

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto