Normativa e prassi

13 Luglio 2021

Zfu sisma 2016: il codice tributo per la proroga delle agevolazioni

Istituito il codice tributo “Z164” per consentire a imprese e professionisti localizzati nella zona franca urbana istituita a seguito degli eventi sismici del 2016 che hanno colpito i comuni delle regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo di continuare a usufruire delle esenzioni in loro favore. Il neonato codice arriva con la risoluzione n. 47 del 13 luglio 2021 dell’Agenzia.
Il documento di prassi ricorda che l’articolo 57, comma 6, Dl n. 104/2020 ha previsto la proroga per gli anni 2021 e 2022 delle agevolazioni già concesse con precedenti bandi e ha esteso tali agevolazioni alle imprese e ai professionisti che intraprendono una nuova iniziativa economica all’interno della Zfu entro il 31 dicembre 2021. Gli elenchi dei beneficiari ammessi è stato approvato con decreto del ministero dello Sviluppo economico del 9 luglio 2021 (vedi articolo “Benefici Zfu Sisma Centro Italia: online gli elenchi dei destinatari”).

Con il codice tributo “Z164” – denominato “ZFU CENTRO ITALIA – Agevolazioni alle imprese e ai titolari di reddito da lavoro autonomo per riduzione versamenti – art. 57, comma 6, del decreto-legge 104/2020” – si consente quindi l’utilizzo in compensazione di tali agevolazioni, tramite modello F24, da presentare attraverso i canali telematici Entratel e Fisconline.

Nel modello, il codice è esposto nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” o nella colonna “importi a debito versati” in caso di riversamento dell’agevolazione.

Il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno d’imposta per il quale è riconosciuta l’agevolazione, nel formato “AAAA”.

Condividi su:
Zfu sisma 2016: il codice tributo per la proroga delle agevolazioni

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto