Normativa e prassi

22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis. Lo chiarisce l’Agenzia delle entrate con la risposta n. 426 del 22 giugno 2021, nella quale, su richiesta della società istante, specifica anche come compilare la prossima dichiarazione dei redditi.

La chiave per risolvere il problema è nella circolare n. 42/2016, in cui l’amministrazione ha affermato che laddove il termine prescritto dall’articolo 119 non venga rispettato – e sia anche decorso il termine di 90 giorni, per presentare una dichiarazione integrativa/sostitutiva – è possibile sanare l’omissione avvalendosi dell’istituto della remissione in bonis (articolo 2, comma 1, Dl n. 16/2012), che si perfeziona con l’esercizio dell’opzione nella prima dichiarazione utile (nel caso, il modello Redditi 2021) e il pagamento di una sanzione pari a 250 euro, tramite F24 e senza possibilità di compensazione (articolo 11, comma 1, Dlgs n. 471/1997).
Un’affermazione corroborata dalle intenzioni del legislatore (rilevabili nella relazione illustrativa della norma, come illustrate nella circolare n. 38/2012) di salvaguardare il contribuente in buona fede, escludendo dal beneficio il tardivo assolvimento dell’obbligo di comunicazione ovvero dell’adempimento di natura formale che rappresenti un mero ripensamento, ovvero una scelta a posteriori basata su ragioni di opportunità.

La buona fede, ribadisce l’Agenzia, può essere ravvisata, ad esempio, nei comportamenti adottati dalla contribuente in relazione al calcolo della base imponibile consolidata e alla liquidazione dell’Ires dovuta (cfr. risposta a interpello n. 82/2019).

Tanto detto, l’istante, sussistendo le condizioni previste dall’articolo 2, comma 1, del Dl n. 16/2012, può sanare il mancato esercizio dell’opzione per l’accesso al regime del consolidato fiscale nazionale, per il triennio 2020-2021-2022 attraverso le anticipate modalità (versando la sanzione di 250 euro ed effettuando l’adempimento richiesto entro il termine di presentazione della prima dichiarazione dei redditi utile, il cui termine di presentazione scade dopo quello previsto per effettuare la comunicazione ovvero eseguire l’adempimento stesso).
In particolare poi, per rispondere all’ulteriore dubbio operativo della società, il quadro OP del modello Redditi 2021 andrà compilato indicando:
i. nella colonna 3 “Tipo comunicazione” il codice “1 esercizio dell’opzione per la tassazione di gruppo
ii. nella colonna 4 “Esercizio sociale” – riferito all’esercizio sociale nel quale viene resa la comunicazione nel corso del triennio di durata dell’opzione – il codice “2 secondo periodo“.

Condividi su:
Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto