Attualità

3 Giugno 2021

Statistiche regionali 2020, pronti i dati delle compravendite

Sono disponibili online sul sito dell’Agenzia i dati sulle statistiche regionali riferite al mercato residenziale nel 2020. I report sono in totale 21, elaborati a cura delle direzioni regionali e provinciali di Trento e Bolzano, in collaborazione con gli uffici provinciali-Territorio e con l’ufficio Statistiche e Studi della direzione centrale Servizi estimativi e Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate. I report si riferiscono ai dati strutturali del mercato delle abitazioni rilevati dall’Osservatorio su scala regionale.

In ciascun report regionale sono analizzate le dinamiche e i volumi del mercato residenziale immobiliare territoriale, in termini di numero di transazioni normalizzate (NTN), con dettaglio per le classi di superficie, nonché le variazioni tendenziali annue delle quotazioni medie riferite a ciascun dettaglio (regionale, provinciale, per macroarea provinciale, comunale, per macroarea comunale, per zona Omi). Per tutti gli indicatori più rilevanti sono riportate mappe tematiche, grafici delle serie storiche (per gli anni 2004-2020), e tabelle con dati assoluti, relativi e variazioni tendenziali.

Per il 2020, in estrema sintesi, si riflette in ogni ambito regionale il calo generalizzato delle compravendite rispetto al 2019, con variazioni di tendenza che spaziano dal -13,4% della Basilicata (quasi doppio rispetto al dato nazionale), al -2%  delle Marche; nella regione troviamo anche  l’unico valore tendenziale positivo (+0,3%), riferito ai comuni non capoluogo.

Per i capoluoghi di provincia la situazione appare generalmente peggiore rispetto ai comuni minori, arrivando, per le città capoluogo della Calabria, a toccare un – 16,4%, e, per la Campania,-15,7% di immobili compravenduti rispetto al 2019.

In merito alle quotazioni medie (€/m2) per regione, i dati tendenziali riportano una condizione generalizzata in calo rispetto al 2019, con quotazioni che perdono dallo 0,1% (Sardegna – comuni minori) al 4,9% (Basilicata – comuni minori). Le pochissime eccezioni sono la stabilità rilevata per la Valle d’Aosta (per i comuni non capoluogo) e l’Emilia Romagna (per i capoluoghi), e l’incremento dell’1,1% in evidenza nei comuni capoluogo della Lombardia, in cui si conferma anche la quotazione più elevata in termini assoluti (3.092 €/m2).

catasto 1 catasto 2

Condividi su:
Statistiche regionali 2020, pronti i dati delle compravendite

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto