Attualità

3 Giugno 2021

Statistiche regionali 2020, pronti i dati delle compravendite

Sono disponibili online sul sito dell’Agenzia i dati sulle statistiche regionali riferite al mercato residenziale nel 2020. I report sono in totale 21, elaborati a cura delle direzioni regionali e provinciali di Trento e Bolzano, in collaborazione con gli uffici provinciali-Territorio e con l’ufficio Statistiche e Studi della direzione centrale Servizi estimativi e Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate. I report si riferiscono ai dati strutturali del mercato delle abitazioni rilevati dall’Osservatorio su scala regionale.

In ciascun report regionale sono analizzate le dinamiche e i volumi del mercato residenziale immobiliare territoriale, in termini di numero di transazioni normalizzate (NTN), con dettaglio per le classi di superficie, nonché le variazioni tendenziali annue delle quotazioni medie riferite a ciascun dettaglio (regionale, provinciale, per macroarea provinciale, comunale, per macroarea comunale, per zona Omi). Per tutti gli indicatori più rilevanti sono riportate mappe tematiche, grafici delle serie storiche (per gli anni 2004-2020), e tabelle con dati assoluti, relativi e variazioni tendenziali.

Per il 2020, in estrema sintesi, si riflette in ogni ambito regionale il calo generalizzato delle compravendite rispetto al 2019, con variazioni di tendenza che spaziano dal -13,4% della Basilicata (quasi doppio rispetto al dato nazionale), al -2%  delle Marche; nella regione troviamo anche  l’unico valore tendenziale positivo (+0,3%), riferito ai comuni non capoluogo.

Per i capoluoghi di provincia la situazione appare generalmente peggiore rispetto ai comuni minori, arrivando, per le città capoluogo della Calabria, a toccare un – 16,4%, e, per la Campania,-15,7% di immobili compravenduti rispetto al 2019.

In merito alle quotazioni medie (€/m2) per regione, i dati tendenziali riportano una condizione generalizzata in calo rispetto al 2019, con quotazioni che perdono dallo 0,1% (Sardegna – comuni minori) al 4,9% (Basilicata – comuni minori). Le pochissime eccezioni sono la stabilità rilevata per la Valle d’Aosta (per i comuni non capoluogo) e l’Emilia Romagna (per i capoluoghi), e l’incremento dell’1,1% in evidenza nei comuni capoluogo della Lombardia, in cui si conferma anche la quotazione più elevata in termini assoluti (3.092 €/m2).

catasto 1 catasto 2

Condividi su:
Statistiche regionali 2020, pronti i dati delle compravendite

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto