Normativa e prassi

27 Maggio 2021

Aiuti di stato: regole di compilazione per i piccoli imprenditori agricoli

Con la risoluzione n. 36 del 27 maggio 2021 l’Agenzia fornisce chiarimenti e precise indicazioni alle associazioni di categoria in relazione alle modalità di compilazione del prospetto relativo agli aiuti di Stato nella dichiarazione dei redditi da parte degli “agricoltori sotto-soglia”, che hanno beneficiato del contributo a fondo perduto del Dl “Rilancio”. Via libera all’utilizzo del modello 730/2021, con l’accortezza di presentare anche il frontespizio del modello Redditi Pf 2021 insieme al quadro RS, secondo le modalità e i termini previsti per la presentazione di questo stesso modello. Nel quadro RS deve essere compilato il solo prospetto “Aiuti di Stato” con i dati relativi al contributo in questione. Per qualsiasi dubbio il riferimento è il Fasciolo 3 del modello Redditi Pf.
 
Il quesito pervenuto all’attenzione dell’Agenzia riguarda i piccoli imprenditori agricoli, in regime speciale di esonero Iva (articolo 34, comma 6, Dpr n. 633/1972), che nel 2020 hanno ricevuto il contributo a fondo perduto previsto dall’articolo 25 del decreto “Rilancio” e intendono presentare il 730/2021.
Le informazioni relative alle sovvenzioni dello Stato nei settori “agricoltura e pesca” sono escluse, per legge, dal Registro nazionale degli aiuti di Stato istituito presso il Mise.
I dati su detti contribuenti confluiscono, invece, nei registri Sian (sistema informativo unificato di servizi del comparto agricolo, agroalimentare e forestale messo ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e dall’Agea) e Sipa (sistema di identificazione delle parcelle agricole) cui competono le funzioni di registrazione delle misure e degli aiuti individuali.
 
Affinché l’Agenzia delle entrate possa acquisire, da tali registri, le informazioni utili alla registrazione degli aiuti individuali, occorre che anche i beneficiari delle sovvenzioni relative al settore agricoltura e forestale compilino l’apposito prospetto contenuto nel quadro RS del modello Redditi Pf. In particolare, la risoluzione ricorda che nelle istruzioni al modello 730/2021 è precisato che i destinatari di questo tipo di agevolazioni, percepite dai titolari di redditi d’impresa, arti e professioni non esercitate occasionalmente, devono utilizzare il modello Redditi Pf e non il 730 per adempiere agli obblighi dichiarativi.
Quest’ultimo, introdotto originariamente soltanto per lavoratori dipendenti e pensionati, nel tempo ha esteso il suo raggio d’azione facendo spazio, tra gli altri, anche agli agricoltori che applicano il regime di esonero in commento, in quanto soggetti non obbligati alla presentazione della dichiarazione Iva, 770 e Irap.
 
In merito alle richieste delle associazioni di categoria, l’amministrazione finanziaria conferma la possibilità di utilizzo del 730 da parte dei piccoli imprenditori agricoli, in difficoltà a causa della pandemia, con lo scopo di anticipare l’erogazione di eventuali rimborsi Irpef.
I produttori “sotto-soglia” che hanno ricevuto il cfp su richiamato, quindi, possono utilizzare il 730/2021 presentando, però, anche il frontespizio del modello Redditi Pf 2021 insieme al quadro RS, secondo le regole e nei termini previsti per la presentazione dello stesso modello. Nel quadro RS deve essere compilato il solo prospetto “Aiuti di Stato” con i dati relativi al contributo in questione. Per la compilazione devono essere consultate le istruzioni Redditi Pf, Fascicolo 3.
 
L’Agenzia precisa, inoltre, che nel caso di utilizzo per la compilazione e la trasmissione delle dichiarazioni dei software messi a disposizione dall’amministrazione finanziaria, gli agricoltori “sotto-soglia” beneficiari del contributo a fondo perduto dovranno fare uso dell’applicazione “RedditiOnLine PF 2021”.

Condividi su:
Aiuti di stato: regole di compilazione per i piccoli imprenditori agricoli

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Bollo, esente il cedolino recapitato all’ex consigliere

I prospetti relativi agli assegni vitalizi percepiti dai consiglieri o ex consiglieri regionali rientrano tra gli atti esenti dall’imposta di bollo in modo assoluto, in quanto hanno la funzione di quietanza delle somme erogate, oltre che indicare l’imponibile lordo, le trattenute e l’importo netto da liquidare, accreditato al beneficiario, tramite il tesoriere del Consiglio regionale.

Attualità 18 Giugno 2021

Province e città metropolitane, attiva la procedura di invio delle delibere

Dal 16 giugno 2021 è stato attivato nel Portale del federalismo fiscale il servizio “Gestione tributi provinciali”, finalizzato alla trasmissione da parte delle province e città metropolitane delle delibere regolamentari e tariffarie in materia tributaria, affinché il ministero dell’Economia e delle Finanze proceda alla relativa pubblicazione sul sito internet.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Navi da crociera in rada, rifornimento senza accise

Niente accise sui rifornimenti di prodotti energetici utilizzati come carburanti dalle navi da crociera ferme per le misure adottate a contrasto della pandemia, fino alla cessazione dello stato di emergenza.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Test Covid-19, salta l’invio al Sts per il laboratorio non autorizzato

La struttura non autorizzata dalla Regione all’erogazione di prestazioni sanitarie nei confronti delle persone e chiamata in aiuto dall’ente territoriale soltanto a causa della pandemia per accelerare lo svolgimento di test diagnostici per la ricerca del virus Sars-CoV-2, non è tenuta a trasmettere i dati relativi alla spesa sostenuta dai pazienti al Sistema tessera sanitaria ai fini della precompilata.

torna all'inizio del contenuto