Analisi e commenti

25 Maggio 2021

Dl Sostegni post conversione – 3: estesa la compensazione crediti Pa

Confermata la “compensazione straordinaria” delle cartelle esattoriali con crediti commerciali, debitamente certificati, non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti delle pubbliche amministrazioni per somministrazione, forniture, appalti e servizi, anche professionali.
A prevederlo, il nuovo comma 17-bis dell’articolo 1 del decreto legge n. 41/2021, aggiunto durante l’esame parlamentare del provvedimento (atto Camera 3099).

In origine, soltanto per il 2014
L’estensione al 2021 della compensazione tra debiti tributari e crediti commerciali arriva con il prolungamento dell’applicabilità della norma che introdusse tale facoltà con esclusivo riferimento all’anno 2014 (articolo 12, comma 7-bis, Dl n. 145/2013). Tale disposizione riconosce la possibilità di assolvere al pagamento di cartelle esattoriali e “simili” (avvisi di accertamento esecutivi dell’Agenzia delle entrate, avvisi di addebito dell’Inps) sfruttando i crediti vantati nei confronti della Pa per somministrazione, forniture, appalti e servizi, anche professionali: una buona opportunità, per imprese e lavoratori autonomi, di recuperare più velocemente le somme a loro spettanti per cessioni di beni realizzate e prestazioni di servizi erogate. Per Pa si intendono le amministrazioni statali, centrali e periferiche (compresi gli istituti e le scuole di ogni ordine e grado, gli enti pubblici nazionali, le università), gli enti territoriali e locali (Regioni, Comuni, Province, Città metropolitane, Comunità montane eccetera), gli enti del Servizio sanitario nazionale.

Affinché i crediti possano essere utilizzati per questo tipo di “compensazione straordinaria”, occorre che gli stessi siano:

  • non prescritti. A tal proposito, ricordiamo che la prescrizione si determina quando il titolare di un diritto non lo esercita entro il termine previsto dalla legge. Si applica la prescrizione ordinaria di dieci anni ai crediti per i quali le norme non specificano diversamente; per altri, invece, valgono termini più brevi (ad esempio, tre anni per le parcelle dei professionisti, cinque per il pagamento di merci o prestazioni di servizi). Per interrompere o prolungare il tempo di prescrizione, il creditore deve notificare al debitore un sollecito di pagamento
  • certi, ossia determinati nel loro contenuto dal relativo atto negoziale (in pratica, devono risultare da un contratto perfezionato o da un impegno di spesa, regolarmente registrato nelle scritture contabili)
  • liquidi, vale a dire esattamente quantificabili sulla base degli elementi del titolo giuridico da cui discendono
  • esigibili, cioè non devono sussistere “fattori impeditivi” al pagamento (ad esempio, eccezione di inadempimento oppure esistenza di un termine o di una condizione sospensiva)
  • certificati dall’amministrazione debitrice – quella a favore della quale è stata resa la prestazione (somministrazione, fornitura, appalto, servizio) – secondo le modalità prescritte dai decreti Mef 22 maggio 2012 e 25 giugno 2012, ossia tramite l’apposita piattaforma informatica gestita dalla Ragioneria generale dello Stato. Ottenuta la certificazione, bisogna presentare istanza di compensazione all’Agenzia delle entrate-Riscossione, la quale, in caso di esito positivo della verifica di conformità della certificazione, dà luogo all’operazione e rilascia l’attestato di pagamento. Se la compensazione riguarda solo una parte dei debiti iscritti a ruolo, occorre indicare gli importi che si vogliono estinguere.

Estensione fino all’anno 2020…
Come già ricordato, la validità della norma sulla “compensazione straordinaria” tra debiti tributari e crediti commerciali era inizialmente prevista esclusivamente per l’anno 2014. È stata poi estesa:

  • al 2015, dalla legge di stabilità 2015 (articolo 1, comma 19, legge n. 190/2014), con modalità attuative definite dal Dm 13 luglio 2015
  • al 2016, dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, comma 129, legge n. 208/2015), con modalità attuative definite dal Dm 27 giugno 2016
  • al 2017, dalla manovra correttiva (articolo 9-quater, Dl n. 50/2017), con modalità attuative definite dal Dm 9 agosto 2017
  • al 2018, dal “decreto Dignità” (articolo 12-bis, Dl n. 87/2018)
  • agli anni 2019 e 2020, dal collegato fiscale alla legge di bilancio 2020 (articolo 37, comma 1-bis, Dl n. 124/2019).

Diversamente dalle precedenti norme di estensione temporale della compensazione, quella per il 2018 e la successiva per gli anni 2019 e 2020 sono risultate immediatamente operative, in quanto non rinviavano a un decreto ministeriale di attuazione, ma prevedevano l’applicazione delle modalità definite, per il 2014, dal Dm 24 settembre 2014.

… e adesso anche al 2021
Da ultimo, il decreto “Sostegni” (Dl n. 41/2021) ha ulteriormente ampliato la validità dell’istituto della “compensazione straordinaria”, consentendo l’applicazione di quanto disposto dall’articolo 12, comma 7-bis, Dl n. 145/2013, anche per l’anno 2021, con riferimento ai carichi affidati all’agente della riscossione entro il 31 ottobre 2020.
Anche in questo caso, non è prevista l’emanazione di uno specifico decreto ministeriale di attuazione: restano valide le modalità decretate con il Dm 24 settembre 2014.

continua
La prima puntata è stata pubblicata venerdì 21 maggio
La seconda puntata è stata pubblicata lunedì 24 maggio

Condividi su:
Dl Sostegni post conversione – 3: estesa la compensazione crediti Pa

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto