Normativa e prassi

25 Maggio 2021

Ecobonus, Sismabonus, Superbonus: cessione del credito esente dall’Iva

La cessione dei crediti d’imposta Ecobonus, Sismabonus, incluso il Superbonus 110%, effettuata dalla società cedente al cessionario dietro corrispettivo, ha finalità e natura finanziaria e rientra, quindi, tra le operazioni esenti da Iva, secondo le previsioni dell’articolo 10, comma 1, n.1) del Dpr n. 633/1972. Riguardo al Registro, la cessione dei crediti d’imposta è esclusa dall’obbligo di registrazione. Sono, in sintesi, i chiarimenti forniti dall’Agenzia con la risposta n. 369 del 24 maggio 2021.

Questa volta una società che svolge attività di consulenza imprenditoriale e amministrativo-gestionale agli operatori del settore dei serramenti esterni, intende procedere all’acquisto e successiva cessione a terzi dei crediti d’imposta per le ristrutturazioni introdotti dal Dl “Rilancio”. Chiede, quindi, se può svolgere tale attività con il codice Ateco in suo possesso e senza specifiche autorizzazioni e chiede, inoltre, quali sono i corretti adempimenti fiscali in ambito Iva e se le stesse cessioni debbano scontare l’imposta di registro.

L’Agenzia rileva che il primo quesito posto dall’istante rappresenta una richiesta di parere tecnico che non rientra nella sfera di competenza degli interpelli, dal momento che l’istruttoria richiederebbe competenze tecniche di altre amministrazioni che esulano dall’ambito fiscale.

Riguardo agli altri quesiti, l’Agenzia ricorda che la cessione dei crediti generati dai bonus edilizi possono dar luogo:

  • a operazioni che rientrano nella sfera impositiva ma in regime di esenzione, ai sensi dell’articolo10, comma 1, n.1) del Dpr n. 633/1972, quando hanno natura finanziaria
  • a operazioni escluse dalla sfera impositiva quando non hanno natura finanziaria.

In via generale, ogni volta che l’operazione di cessione del credito ha finalità di finanziamento, la prestazione rientra tra quelle esenti da Iva.

Nel caso in esame, precisa l’Agenzia, l’atto di cessione dei crediti derivanti dalle ristrutturazioni edilizie, Ecobonus, Sismabonus e Superbonus 110%, se effettuata tra le parti dietro corrispettivo ha finalità e natura finanziaria, rientrando, cioè un’operazione esclusa dal campo di applicazione dell’Iva, in quanto si tratta di “cessioni di crediti in denaro” ai sensi dell’articolo 2, comma 3, lettera a) del Dpr n. 633/1972. Di conseguenza, come indicato anche dall’istante, l’Agenzia ritiene che non vi sia l’obbligo di certificazione mediante scontrino o ricevuta fiscale.
Resta ferma la facoltà di fatturare, anche a richiesta della controparte, l’operazione in esenzione, indicando nella stessa l’ammontare del corrispettivo pattuito nell’accordo contrattuale per la cessione.

Per quanto riguarda l’imposta di registro, l’Agenzia in linea con quanto prospettato dall’istante rileva che l’atto di cessione del credito di imposta formalizzato tramite scrittura privata non è soggetto all’obbligo di registrazione, a norma dell’articolo 5 della Tabella, allegata al Tur, rientrando tra gli “atti e documenti formati per l’applicazione, riduzione, liquidazione, riscossione, rateazione e rimborso delle imposte e tasse da chiunque dovute”. Tale interpretazione era stata peraltro fornita con la risoluzione n. 84/2018 con cui veniva chiarito “si ritiene che all’atto di cessione del credito corrispondente alla detrazione, ove redatto in forma scritta, trovi applicazione la previsione recata dall’art. 5 della Tabella allegata al d.P.R. n. 131 del 1986, riguardante gli atti per i quali non vi è l’obbligo di richiedere la registrazione”.

Condividi su:
Ecobonus, Sismabonus, Superbonus: cessione del credito esente dall’Iva

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto