Normativa e prassi

28 Aprile 2021

Indennizzo per ingiusta detenzione. La somma non rileva ai fini fiscali

Non hanno natura risarcitoria le somme liquidate a titolo di lucro cessante da mancata percezione di redditi nelle pronunce di equa riparazione per ingiusta detenzione e di riparazione dell’errore giudiziario e, di conseguenza, non vanno tassate. È in sintesi il contenuto nella risposta n. 295/2021 dell’Agenzia, in linea con il parere dell’Avvocatura delle Stato e con la consolidata giurisprudenza penale.

Nel quesito in esame l’istante chiede se nell’ambito delle pronunce che si riferiscono espressamente ai mancati guadagni conseguenti all’applicazione della custodia cautelare (riparazione per ingiusta detenzione) o all’applicazione della pena (riparazione per errore giudiziario) sussiste la possibilità di tassare, in base all’articolo 6, comma 2, del Tuir, la quota parte della riparazione eventualmente qualificata come lucro cessante.

L’Agenzia ricorda l’articolo 314 del codice di procedura penale, secondo il quale chi è stato prosciolto con sentenza irrevocabile perché il fatto non sussiste, per non aver commesso il fatto, o perché il fatto non costituisce reato, ha diritto a essere indennizzato per la detenzione subìta. Il successivo articolo 315 prevede che la somma per la riparazione non può comunque eccedere 516.456,90 euro. Parimenti ha diritto a un indennizzo chi è vittima di un errore giudiziario (articolo 643 del codice di procedura penale).
Entrambe le fattispecie non rientrano nel risarcimento del danno, ma costituiscono un indennizzo per ingiusta condanna o privazione della libertà, basato sui principi di solidarietà sociale (Cassazione penale, sentenze n. 10878/2012, n. 222444/2015, n. 7787/2016). Secondo la Suprema corte l’esclusione di una tutela di tipo risarcitorio è finalizzata a ristorare le persone ingiustamente condannate senza sottoporle anche a ulteriori controversie sull’accertamento del danno.

Lo stesso orientamento della giurisprudenza rileva che l’obbligo risarcitorio deriva da un inadempimento contrattuale o da un fatto illecito da provare, l’indennizzo invece nasce dall’attività giurisdizionale quindi in un ambito lecito.
Di conseguenza, l’Agenzia è dell’avviso che gli istituti della riparazione per ingiusta detenzione e per errore giudiziario non generino proventi da tassare, come avviene invece per le somme conseguite in sostituzione dei redditi persi.

L’Agenzia ritiene così condivisibile il parere dell’Avvocatura generale dello Stato n. 158901/2005, secondo il quale sussiste una profonda differenza fra equa riparazione e risarcimento del danno, in quanto la prima non mira alla sola refusione dei danni materiali o del lucro cessante, ma anche all’erogazione di una somma che compensi l’interessato delle conseguenze penali, di natura morale, patrimoniale, fisica e psichica subite.
L’Avvocatura generale dello Stato, quindi, nel citato parere ritiene che tale indennizzo non sia riconducibile fra gli emolumenti tassabili.
Una diversa interpretazione comporterebbe un’ingiustificata disparità di trattamento, ai fini fiscali, fra i casi in cui l’autorità giudiziaria, anche utilizzando criteri risarcitori, riesca a misurare in maniera precisa il danno da lucro cessante e quelli in non giunga, invece, a una puntuale quantificazione.
L’Agenzia in conclusione, alla luce della normativa, della giurisprudenza e delle linee interpretative  dell’Avvocatura dello Stato, ritiene che le somme erogate a seguito di pronunce di riparazione pecuniaria per ingiusta detenzione e per errore giudiziario non siano fiscalmente rilevanti.

Condividi su:
Indennizzo per ingiusta detenzione. La somma non rileva ai fini fiscali

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto