Attualità

29 Marzo 2021

Bonus sponsorizzazioni sportive: una manciata di giorni per blindarlo

Scade giovedì 1° aprile il termine per inviare le istanze finalizzate al riconoscimento del credito d’imposta concesso, dall’articolo 81, comma 1 del Dl “Agosto”(articolo 81, primo comma, decreto n. 104/2020) in favore di lavoratori autonomi, imprese ed enti non commerciali che, nel 2020, hanno investito in campagne pubblicitarie, o in sponsorizzazioni, a vantaggio di leghe che organizzano campionati nazionali a squadre nell’ambito delle discipline olimpiche ovvero società sportive professionistiche e società e associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro Coni, operanti in discipline ammesse ai giochi olimpici, e che svolgono attività sportiva giovanile.

Il modello da utilizzare, con le istruzioni da seguire per il corretto completamento dell’operazione, è quello disponibile, dallo scorso 25 febbraio, sul sito del dipartimento per lo Sport della presidenza del Consiglio dei ministri (vedi articolo “Sponsorizzazioni sportive, al via le istanze per richiedere il bonus).

Con l’avvicinarsi della deadline, ricordiamo, in particolare, che il richiamato decreto fissa il credito nella misura del 50% degli investimenti, di importo complessivo non inferiore a 10mila euro, effettuati da soggetti con ricavi, relativi al periodo d’imposta 2019, prodotti in Italia pari ad almeno 150mila euro e fino a un massimo di 15 milioni di euro nel periodo compreso tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2020.

Tanto premesso e sempre in vista della scadenza, sul sito del dipartimento per lo Sport sono disponibili online le risposte alle domande più frequenti sull’agevolazione fiscale, dove vengono chiariti alcuni aspetti fondamentali, come lo spazio temporale in cui devono essere, tassativamente, erogati gli investimenti, ove per investimenti si intendono i pagamenti effettuati. Alla specifica domanda se, nell’ambito di un contratto di finanziamento per il secondo semestre 2020, sono previsti versamenti anche nel 2021, è possibile vedersi riconosciuto il bonus pure per questi ultimi, il dipartimento risponde che la norma “riconosce un credito di imposta per gli investimenti effettuati nel corso dell’anno 2020 dove per investimenti si intendono i pagamenti effettuati. Pertanto, non sono riconosciuti pagamenti effettuati nel corso dell’anno 2021”.
E ancora, in caso di contratto triennale siglato nel 2019, nulla osta alla fruizione del credito d’imposta, “ma è necessario che i pagamenti vengano effettuati nel periodo di tempo indicato”, cioè dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.

Infine, le faq chiariscono che, in relazione alle modalità di effettuazione dell’investimento, i pagamenti devono essere effettuati con mezzi diversi dal contante e non possono essere stati saldati tramite compensazione con fatture di fornitura nei loro confronti: “l’articolo 23 del Dlgs n. 241/1997, definisce in maniera univoca il pagamento con mezzi diversi dal contante. Questi sono: carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari e altri sistemi di pagamento (bollettini postali)”.

Condividi su:
Bonus sponsorizzazioni sportive: una manciata di giorni per blindarlo

Ultimi articoli

Attualità 15 Aprile 2021

Cessione credito o sconto in fattura. Countdown per la comunicazione

Scade oggi, 15 aprile 2021, il termine per comunicare, all’Agenzia delle entrate, la scelta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, al posto dell’utilizzo diretto del Superbonus nella propria dichiarazione dei redditi, in relazione alle spese sostenute nel 2020.

Attualità 14 Aprile 2021

Imposta di bollo sulle e-fatture, una guida al corretto adempimento

È online nella sezione “l’Agenzia informa”, all’interno dell’area tematica “Fattura elettronica e corrispettivi telematici” e su questa rivista la nuova guida “L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche”, che segue il provvedimento del 4 febbraio scorso, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ruffini, in materia di integrazione delle fatture elettroniche sulle quali è dovuta l’imposta di bollo e della messa a disposizione da parte dell’Agenzia per i soggetti Iva della relativa procedura web (vedi articolo “Imposta di bollo sulle e-fatture, il nuovo servizio per gli operatori”).

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Cucine arredate a Iva ordinaria, anche se tutt’uno con le case cedute

La cessione di cucine arredate, inglobate in unità abitative oggetto di compravendita (cessione “a corpo”), sconta l’Iva ordinaria “in tutti i sensi”, sia verso il cliente finale sia al passaggio dal produttore alla società immobiliare.

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Definite le specifiche tecniche per trasmettere i dati Irap 2021

Definite, con il provvedimento del 13 aprile 2021, siglato dal direttore dell’Agenzia Ruffini, le specifiche tecniche, in formato xml, da utilizzare, tramite l’Agenzia delle entrate, per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2021.

torna all'inizio del contenuto