Attualità

29 Marzo 2021

Tax credit settore cinema, in rete nuovi beneficiari

Con tre distinti decreti direttoriali di oggi, 29 marzo 2021, della direzione generale Cinema e Audiovisivo del ministero della Cultura sono pubblicati gli elenchi dei beneficiari e gli esiti delle istruttorie effettuate per il riconoscimento dei crediti di imposta.

In particolare, in Rete troviamo gli esiti delle istruttorie effettuate sull’ammissibilità:

– delle richieste preventive di credito d’imposta pervenute per la produzione tv/web

– delle richieste definitive di credito d’imposta pervenute per la produzione cinematografica, per la produzione tv/web, per la produzione esecutiva di opere straniere e per la distribuzione

– delle richieste relative alle rettifiche dei crediti d’imposta per la programmazione 2019 e 2020.

Il primo decreto direttoriale riconosce a un’impresa di produzione cinematografica, nello specifico produzione tv/web, i crediti d’imposta teorici.

I crediti d’imposta definitivi sono invece riconosciuti, con il secondo decreto direttoriale, alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva, di distribuzione e alle imprese esterne alla filiera cinematografica. Nel dettaglio, dalla lettura della tabella allegata al decreto, sono 14 le opere per la produzione cinema, 7 per la produzione cinema passaggio a nuova aliquota, 11 per la produzione tv e web, 5 per produzione esecutiva di opere straniere, 3 per la distribuzione.

Rettifiche arrivano con il terzo provvedimento, che riconosce alle imprese di esercizio cinematografico i crediti d’imposta per il potenziamento dell’offerta cinematografica, in relazione alla programmazione degli anni 2019 e 2020, “corretti” a seguito delle ulteriori attività di istruttoria e controllo. Nell’elenco allegato si leggono 29 beneficiari.

La pubblicazione costituisce comunicazione di riconoscimento del credito d’imposta, pertanto il ministero della Cultura non procederà all’invio a mezzo Pec delle singole comunicazioni.

Il bonus è utilizzabile a partire dal giorno 10 del mese successivo alla comunicazione di riconoscimento del credito d’imposta.

I provvedimenti, ricorda la direzione generale, non contengono le domande per le quali è stato già comunicato l’ottenimento del credito d’imposta e/o dell’eleggibilità culturale, a mezzo Pec o nei precedenti decreti direttoriali. Inoltre, le richieste per le quali l’istruttoria è ancora in fase di perfezionamento faranno parte di successivi decreti direttoriali pubblicati sul sito internet della direzione Cinema e Audiovisivo.
 

Condividi su:
Tax credit settore cinema, in rete nuovi beneficiari

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto