Normativa e prassi

2 Febbraio 2021

Patent box, tempi prolungati per la marca temporale

Con la risposta n. 73 del 2 febbraio 2021 l’Agenzia delle entrate chiarisce il dubbio di una Pmi innovativa che possiede beni immateriali ammessi al regime agevolativo “patent box”. Il quesito riguarda, in particolare, un software originale, sviluppato internamente dalla ditta, per il quale l’istante intende fruire del beneficio fiscale tramite “autoliquidazione” (articolo 4, decreto “Crescita”).
Per applicare la tassazione agevolata occorre che i software originali siano protetti da copyright e, a tal fine, l’impresa a maggio ha presentato richiesta di registrazione presso il Pubblico registro del software presso la Siae senza avere ancora ottenuto, nonostante i 60 giorni trascorsi, il certificato di avvenuta registrazione.
La Pmi intende procedere autonomamente alla determinazione del reddito agevolabile sulla base della documentazione valutata come idonea dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 30 luglio 2019. La documentazione, stabilisce il provvedimento, deve essere firmata e recare una marca temporale da apporre entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi, a pena di recupero dell’agevolazione oltre a interessi e sanzioni.
Tuttavia, mancando ancora la certificazione di avvenuta registrazione del software, la Pmi non può procedere con la determinazione diretta del reddito agevolabile come previsto dal decreto “Crescita”, e chiede se può produrre la documentazione prevista dal provvedimento e apporre la firma e la marca temporale oltre i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi conservando l’efficacia della documentazione ai fini sia dell’autoliquidazione sia dell’applicazione della “penalty protection”.
L’istante ritiene di poter beneficiare della remissione in bonis o, in alternativa, di poter presentare la suddetta documentazione entro il termine per la dichiarazione dei redditi tardiva.

L’istituto del patent box, introdotto dalla legge di stabilità 2015 (articolo 1, commi da 37 a 45, legge n. 190/2014) prevede un regime opzionale di tassazione agevolata per i redditi derivanti dall’utilizzo di beni immateriali, con lo scopo di incentivare gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo.
Diversi i documenti di prassi dell’Agenzia che hanno definito e chiarito le modalità applicative del regime e, in particolare, la circolare n. 11/2016, richiamata anche dall’istante, ha chiarito cosa debba intendersi per software protetto da copyright e ha precisato che il possesso delle caratteristiche è provato tramite una dichiarazione sostitutiva da trasmettere all’Agenzia delle entrate, che attesti la titolarità dei diritti esclusivi su di esso da parte del richiedente, a titolo originario o derivativo (in tal caso specificando il venditore), e la sussistenza dei requisiti di originalità e creatività tali da poter essere identificati come opere dell’ingegno.
Con la più recente circolare n. 28/2020, l’amministrazione finanziaria ha specificato che la firma elettronica con marca temporale sulla documentazione comprovante il possesso dei requisiti di accesso alla tassazione agevolata “deve essere apposta entro il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta cui si riferisce l’autoliquidazione OD, o nel maggior termine di 90 giorni in caso di dichiarazione tardiva”.

L’Agenzia delle entrate, ritiene che, esaminati i documenti di prassi disponibili sull’argomento, l’istante possa apporre la marca temporale sulla dichiarazione sostitutiva che attesta anche la sussistenza dei requisiti di originalità e creatività necessari per poter identificare tale bene immateriale come opera dell’ingegno, conservando la piena efficacia della documentazione ai fini dell’agevolazione, entro il maggior termine di 90 giorni in caso di dichiarazione dei redditi tardiva.

Condividi su:
Patent box, tempi prolungati per la marca temporale

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto