Normativa e prassi

25 Gennaio 2021

Imposta sui servizi digitali: il modello per comunicare i dati

Disponibile, nella sezione “Modelli” del sito delle Entrate, modulistica e istruzioni per trasmettere le informazioni sull’imposta sui servizi digitali. Con la stessa dichiarazione è anche possibile chiedere il rimborso, nel caso l’imposta sia stata pagata in eccesso, oppure riportare l’eventuale credito all’anno successivo. L’invio dei dati dovrà essere effettuato, ordinariamente, in via telematica entro il 31 marzo di ciascun anno. In sede di prima applicazione, tuttavia, la dichiarazione relativa al 2020 è presentata entro il 30 aprile 2021, con un finestra temporale 30 giorni più ampia. Il via libera arriva con il provvedimento, firmato da Ernesto Maria Ruffini, direttore dell’Agenzia delle entrate, il 25 gennaio 2021.
Il modello è presentato direttamente dai soggetti abilitati a Entratel o Fisconline, ovvero tramite i soggetti incaricati. La trasmissione dei dati dovrà avvenire utilizzando le specifiche tecniche allegate al provvedimento. La stessa dichiarazione consente di chiedere il rimborso dell’imposta versata in eccesso o di riportare il credito all’anno successivo.
Introdotta dalla legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50 legge n. 145/2018), la digital service tax si applica ai ricavi derivanti dalla fornitura dei servizi, di cui al comma 37 dell’articolo 1 della legge di bilancio, cioè:

  • di veicolazione su un’interfaccia digitale di pubblicità mirata agli utenti della medesima interfaccia
  • di messa a disposizione di un’interfaccia digitale multilaterale che consente agli utenti di essere in contatto e di interagire tra loro, anche al fine di facilitare la fornitura diretta di beni o servizi
  • di trasmissione di dati raccolti da utenti e generati dall’utilizzo di un’interfaccia digitale.

La stessa legge di bilancio ha demandato a uno o più provvedimenti del direttore dell’Agenzia la definizione delle modalità applicative dell’imposta. Le prime istruzioni operative sulla Digital service tax sono state fornite con il provvedimento del 15 gennaio 2021 (vedi articolo “Imposta sui servizi digitali: pronte le regole per partire”), il presente provvedimento ne approva modello e specifiche tecniche.
Si ricorda che nei primi giorni di febbraio 2021 sarà disponibile sul sito dell’Agenzia il software per la compilazione della dichiarazione, mentre a partire dal 22 febbraio 2021 sarà possibile trasmettere in via telematica la stessa dichiarazione.
Per quanto riguarda le scadenze, inoltre, le disposizioni della legge di Bilancio, da ultimo prorogate dall’articolo 2 del Dl n. 3/2021, hanno previsto in sede di prima applicazione della disciplina che l’imposta dovrà essere versata entro il 16 marzo 2021 (anziché dell’ordinario 16 febbraio) e la dichiarazione dovrà essere presentata entro il 30 aprile 2021, in luogo del 31 marzo ordinario.

Condividi su:
Imposta sui servizi digitali: il modello per comunicare i dati

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto