Analisi e commenti

14 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 9 Più tempo per coprire le perdite 2020

Il codice civile disciplina i casi in cui la perdita d’esercizio, dopo aver assorbito tutte le riserve, va a intaccare il capitale sociale nella misura di oltre un terzo.
Fino a tale limite, non vi è alcun obbligo legale e gli amministratori della società possono non prendere provvedimenti per il riassorbimento della perdita, riportandola a nuovo senza limiti di tempo.

Le regole civilistiche sono contenute negli articoli 2446 e 2447, per quanto attiene alle società per azioni, e negli articoli 2482-bis e 2482-ter per le società a responsabilità limitata.
In base a tali norme, quando risulta che il capitale è diminuito di oltre un terzo in conseguenza di perdite, gli amministratori devono senza indugio convocare l’assemblea per gli opportuni provvedimenti. Qualora entro l’esercizio successivo la perdita non risulti diminuita a meno di un terzo, l’assemblea che approva il bilancio di tale esercizio deve diminuire il capitale in proporzione alle perdite accertate. In questa ipotesi, pertanto, nell’esercizio in cui si realizza la perdita non vi è l’obbligo di ripianamento; la copertura obbligatoria scatta nell’esercizio successivo.

Diverso è il caso in cui, a seguito della perdita di oltre un terzo del capitale sociale, questo risulti al di sotto del minimo legale (50mila euro per le Spa e 10mila euro per le Srl). In tale circostanza, è onere dell’assemblea deliberare la riduzione del capitale sociale e il contemporaneo aumento dello stesso o, alternativamente, la trasformazione della società. La riduzione del capitale al disotto delle soglie minime rappresenta inoltre causa di scioglimento delle società (articoli 2484, primo comma, numero 4), e 2545-duodecies del codice civile).

Le deroghe del Bilancio 2021
Nella fase di crisi societaria dovuta dall’emergenza Coronavirus, l’articolo 6 del Dl n. 23/2000 (il decreto “Liquidità”), opportunamente modificato dalla legge di bilancio 2021 (articolo 1, comma 266, legge n. 178/2020), prevede un termine più ampio per la copertura delle perdite emerse nell’esercizio in corso al 31 dicembre 2020.
In deroga alle suindicate regole civilistiche, il termine entro il quale la perdita deve risultare diminuita a meno di un terzo del capitale è posticipato al quinto esercizio successivo; l’assemblea che approva il bilancio di tale esercizio deve ridurre il capitale in proporzione delle perdite accertate.
 
La scadenza è stata allungata anche per l’ipotesi più grave di erosione del minimo legale. L’assemblea convocata senza indugio dagli amministratori, in alternativa all’immediata riduzione del capitale e al contemporaneo aumento del medesimo a una cifra non inferiore alla soglia minima, può deliberare di rinviare tali decisioni alla chiusura del quinto esercizio successivo. Fino alla data di approvazione del bilancio di tale esercizio non opera la causa di scioglimento della società per riduzione o perdita del capitale sociale.
 
In tutti i casi, le perdite sospese devono essere distintamente indicate nella nota integrativa con specificazione, in appositi prospetti, della loro origine, nonché delle movimentazioni intervenute nell’esercizio.

La norma si riferisce agli esercizi “in corso” al 31 dicembre 2020, quindi anche alle società con esercizio “a cavallo” di tale data.

continua
La prima puntata è stata pubblicata giovedì 31 dicembre 2020
La seconda puntata è stata pubblicata lunedì 4 gennaio 2021
La terza puntata è stata pubblicata martedì 5 gennaio 2021
La quarta puntata è stata pubblicata giovedì 7 gennaio 2021
La quinta puntata è stata pubblicata venerdì 8 gennaio 2021
La sesta puntata è stata pubblicata lunedì 11 gennaio 2021
La settima puntata è stata pubblicata martedì 12 gennaio 2021
L’ottava puntata è stata pubblicata mercoledì 13 gennaio 2021

Condividi su:
Legge di bilancio 2021 e Fisco – 9 Più tempo per coprire le perdite 2020

Ultimi articoli

Attualità 24 Gennaio 2022

Assegno unico e revisione Irpef: le peculiarità delle due riforme

Il sistema tax-benefit italiano è stato interessato da due importanti riforme, la revisione dell’Irpef e l’introduzione dell’assegno unico e universale per i nuclei familiari con figli minori di 21 anni.

Attualità 24 Gennaio 2022

Il catasto guarda al futuro, in campo tecniche e metodi d’avanguardia

Il 30 settembre 2021 sono entrate in conservazione nuove mappe catastali del comune di Offagna, in provincia di Ancona, prodotte nell’ambito di una iniziativa progettuale di natura sperimentale per la formazione di nuova cartografia catastale.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

L’esenzione “parziale” dalle imposte ammette la cooperativa al Superbonus

La cooperativa sociale, che riveste contemporaneamente la qualifica di cooperativa di produzione e lavoro, in linea di principio esente dalle imposte sui redditi, la quale ha assoggettato a tassazione la quota dell’utile destinato a riserva legale a partire dall’anno 2012, può accedere al Superbonus, in quanto esente solo parzialmente.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Può fruire del “bonus affitti” la società che tramite un contratto di locazione stipulato con un Fondo, da lei partecipato, ha a disposizione un immobile sede di un centro commerciale.

torna all'inizio del contenuto