Normativa e prassi

12 Gennaio 2021

Trattamento degli utili di fonte estera, la tassazione è quella ordinaria

Gli utili prodotti da una società con sede in Svizzera nel periodo d’imposta 2012-2019 e distribuiti a un soggetto residente in Italia non provengono da un Paese a fiscalità privilegiata e, pertanto, devono essere assoggettati a tassazione ordinaria. È in estrema sintesi la risposta dell’Agenzia n. 38 del 12 gennaio 2021. Nel caso in esame un soggetto residente in Italia intende porre in essere una complessa operazione di scissione parziale di una società con sede nel Canton Ticino, che ha prodotto utili destinati in parte a riserva legale e in parte ad apposita riserva utili, ad esito della quale risulterebbe titolare al 100% della partecipazione in una società svizzera neocostituita. L’istante chiede il corretto trattamento fiscale delle riserve utili che saranno distribuite dalla società neocostituita, in considerazione del fatto che gli utili si sono formati nel periodo 2012- in capo alla società, anch’essa residente in Svizzera.
Il documento di prassi chiarisce che per il corretto regime fiscale da applicare ai dividendi che saranno distribuiti attingendo dalle riserve pregresse di utili è necessario verificare se, con riferimento a ciascun periodo d’imposta, gli utili formati in capo alla società istante siano qualificabili o meno come dividendi provenienti da un paradiso fiscale.

L’Agenzia dopo aver analizzato la normativa di riferimento sulla tassazione dei dividendi esteri per gli anni 2012-2019, il periodo cioè che interessa l’interpello, chiarisce che gli utili prodotti dalla società con sede nel Canton Ticino non provengono da un Paese considerato a fiscalità privilegiata.
In particolare l’articolo 47 del Tuir al comma 4 prevede che gli utili percepiti da persone fisiche residenti al di fuori dell’esercizio di attività di impresa (o da persone fisiche titolari di imprese commerciali, in base al rinvio contenuto nell’articolo 59 del Tuir) concorrano integralmente alla formazione del reddito imponibile del socio residente, se provenienti da soggetti residenti in territori a regime fiscale privilegiato, qualora non abbiano già concorso a formare il reddito imputato ai soci per trasparenza.

Per quanto riguarda gli utili e i proventi equiparati di fonte estera derivanti da soggetti residenti in Paesi non a regime fiscale privilegiato, l’Agenzia ricorda che prima delle modifiche effettuate dalla legge di Bilancio 2018, le somme concorrevano parzialmente alla determinazione del reddito complessivo del socio (persona fisica residente). La legge di bilancio 2018 ha equiparato la tassazione dei dividendi derivanti da partecipazioni qualificate a quelle non qualificate detenute da persone fisiche al di fuori dell’esercizio di impresa. A decorrere dal 1° gennaio 2018, su tali utili è prevista la tassazione a titolo d’imposta con aliquota del 26% (articolo 27 del Dpr n. 600/1973).

L’equiparazione vale anche per gli utili e i proventi di fonte estera derivanti da soggetti residenti in Paesi che non sono considerati a regime fiscale privilegiato.
Tali utili se non sono assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta da parte di un sostituto o di un intermediario, dovranno essere indicati dal contribuente nel quadro RM di Redditi Pf con l’applicazione dell’imposta sostitutiva con aliquota al 26 per cento.

Il documento di prassi ricorda poi che a partire dal periodo d’imposta 2019, i criteri di individuazione degli Stati o territori a fiscalità privilegiata sono contenuti nell’articolo 47-bis, comma 1, del Tuir.
Per quel che interessa il caso in esame, l’Agenzia evidenzia che nel periodo di formazione dell’utile, cioè dal 2012 al 2019, la società si può considerare residente in uno Stato a fiscalità ordinaria secondo le regole vigenti nelle rispettive annualità di imposta. Di conseguenza, i dividendi ricevuti dal socio residente non si considerano provenienti da un paradiso fiscale e non concorrono a formare il reddito complessivo dell’istante in misura integrale, ma come prospettato dall’istante sono assoggettati ad imposizione con aliquota al 26 per cento.
 

Condividi su:
Trattamento degli utili di fonte estera, la tassazione è quella ordinaria

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto