Normativa e prassi

1 Dicembre 2020

Lampedusa/Linosa: online il modello per comunicare i versamenti agevolati

In vista della ripresa dei versamenti fiscali, contributivi e assistenziali nel comune di Lampedusa e Linosa, fissata dal Dl “Agosto” al prossimo 21 dicembre, il direttore Ruffini ha firmato oggi, 1° dicembre, il provvedimento che approva il modello di comunicazione, con le relative istruzioni, utile per accedere all’agevolazione che consente, ai contribuenti del territorio di confine, di pagare solo il 40% del dovuto (articolo 42-bis, commi 1 e 1-bis, decreto legge n. 104/2020). Con l’occasione, stabiliti anche termini e modalità di presentazione.
 
Tenuto conto dei flussi migratori e delle conseguenti misure di sicurezza sanitaria per la prevenzione del contagio da Covid-19, infatti, la disposizione appena richiamata, tra l’altro, ha previsto che i contribuenti, con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nel territorio del comune di Lampedusa e Linosa (anche quelli che hanno beneficiato della sospensione prevista dall’ordinanza del presidente del Consiglio dei ministri n. 3947/2011), possono effettuare, nel limite del 40% dell’importo dovuto i versamenti dei tributi, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, in scadenza entro il 21 dicembre 2020 o scaduti nel 2018 e 2019, esclusa l’Iva.
Tutto questo senza applicazione di sanzioni e interessi.
Inoltre, con la stessa disposizione, il legislatore ha anche concesso la possibilità di avvalersi, per il 50% dei versamenti sospesi (articoli 126 e 127 del Dl “Rilancio”), della rateizzazione fino a un massimo di ventiquattro rate mensili (articolo 97, Dl “Agosto”).
 
Tanto premesso, il modello appena approvato è costituito, oltre che dal tradizionale frontespizio, da sezioni ad hoc dove indicare separatamente i dati relativi all’ammontare dovuto, all’importo versato e quello da versare per ciascun tributo, ritenuta, contributo previdenziale e assistenziale e premio per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, per i quali il contribuente intende avvalersi dell’agevolazione.
 
La comunicazione, da presentare entro il 21 dicembre 2020 debitamente sottoscritta e corredata di copia del documento di identità dell’interessato, può essere trasmessa, via posta elettronica, direttamente dal contribuente o tramite un intermediario.
In particolare, coloro che svolgono attività economiche e gli intermediari devono necessariamente utilizzare la Pec, mentre gli altri contribuenti possono anche servirsi dell’e-mail ordinaria.
Gli indirizzi a cui inviare sono, da Pec, dp.agrigento@pce.agenziaentrate.it, da e-mail, dp.agrigento@agenziaentrate.it.
 
Sempre entro il 21 dicembre, si legge nel provvedimento, le comunicazioni errate potranno essere sostituite.

Condividi su:
Lampedusa/Linosa: online il modello per comunicare i versamenti agevolati

Ultimi articoli

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Servitù su terreni agricoli: l’imposta di registro è al 9%

L’imposta di registro da applicare alla costituzione di servitù su terreno agricolo a favore di soggetti diversi dai coltivatori diretti e imprenditori agricoli è quella del 9% e non del 15% prevista in caso di trasferimento del bene.

torna all'inizio del contenuto