Attualità

27 Novembre 2020

Fondo di garanzia vs rischio usura: 32,7 milioni per famiglie e imprese

Sono 32,7 i milioni di euro che, entro la fine dell’anno, saranno distribuiti a Confidi, Associazioni e Fondazioni dal Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura, istituito nel lontano 1996 presso il dipartimento del Tesoro del Mef (articolo 15, legge n. 108/1996) per facilitare, attraverso la prestazione di apposite garanzie, l’accesso al credito a imprese e cittadini a rischio usura. Una somma rilevante, alimentata nel 2020, oltre che dai proventi delle sanzioni amministrative antiriciclaggio, da un contributo extra di 10 milioni stanziati dal Dl “Rilancio”.

Lo annuncia il ministero dell’Economia e delle Finanze in un comunicato stampa di oggi, 27 novembre, precisando che gli importi, ripartiti, come ogni anno con delibera di un’apposita Commissione interministeriale presieduta dallo stesso Mef, in base a una combinazione di indicatori che tengono conto dell’indice del rischio usura presente nell’ambito territoriale dove opera l’ente assegnatario, dell’efficienza nell’utilizzo delle risorse dimostrata nel passato e della effettiva capacità di garantire l’accesso al credito, saranno (più o meno) così ripartiti:

  • 23 milioni di euro a settantasette Confidi (consorzi di piccole e medie imprese)
  • 9,7 milioni a trentasei Associazioni e Fondazioni impegnate nella lotta all’usura.

Ciascun ente “gestore” riceverà, in media, 280mila euro, che diventano 600mila in caso di organismi virtuosi, cioè coloro che nel passato hanno meglio utilizzato le risorse gestite.
Dal Mef arriva anche la conferma di un contributo speciale per gli enti che operano nei territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, colpiti dagli eventi sismici del 2016 e 2017.

L’elenco completo delle Associazioni, delle Fondazioni e dei Confidi a cui rivolgersi per fruire delle garanzie del Fondo è online sul sito del ministero dell’Economia e delle Finanze e, nel box del dipartimento Tesoro, è presente una pagina interamente dedicata all’argomento.

Infine, dal ministero fanno sapere che dal 1998, anno di prima operatività, ad oggi il Fondo per la prevenzione dell’usura ha erogato, a Confidi, Associazioni e Fondazioni attive nella lotta all’usura, circa 670 milioni di euro che hanno permesso di garantire finanziamenti per oltre 2 miliardi.

Condividi su:
Fondo di garanzia vs rischio usura: 32,7 milioni per famiglie e imprese

Ultimi articoli

Attualità 19 Gennaio 2021

Superbonus 110%: sul sito della Pcm il portale ad hoc con le informazioni

Approda sul sito della Presidenza del consiglio dei Ministri il portale dedicato al Superbonus 110% dove i cittadini interessati possono trovare tutte le notizie sui requisiti per l’accesso alla maxi-detrazione e una specifica sezione con risposte alle domande frequenti (faq) a cura dell’Agenzia delle entrate ed Enea.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Piani di risparmio a lungo termine, al via la consultazione pubblica

Disponibile sul sito dell’Agenzia delle entrate lo schema di circolare sui piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir), che ripercorre le peculiarità dello strumento finanziario, a partire dalla sua costituzione e disciplina fiscale, fino alle novità apportate dal Dl n.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Acquisti in tema di fusione nucleare, per l’esenzione Iva serve il certificato

Per usufruire della non imponibilità Iva prevista per gli acquisti di beni e servizi inerenti l’attività di ricerca nel campo della fusione nucleare effettuati presso un’organizzazione internazionale avente sede in Francia, l’istante, rappresentante della società acquirente, dovrà necessariamente munirsi del certificato di esenzione Iva, secondo quanto previsto dal Regolamento comunitario n.

Analisi e commenti 19 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 12 Fisco più leggero per gli Enc

Tassazione dimezzata per gli enti non commerciali. Dal 1° gennaio 2021 sono esclusi dalla formazione del reddito imponibile ai fini Ires, il 50% degli utili percepiti dagli Enc residenti (articolo 73, comma 1, lettera c, del Tuir) o da una stabile organizzazione di enti non residenti (articolo 73, comma 1, lettera d, del Tuir), che esercitano, in Italia, senza scopo di lucro, in via esclusiva o principale, una o più attività di interesse generale con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale svolte in specifici settori.

torna all'inizio del contenuto