Normativa e prassi

21 Ottobre 2020

Una tantum alle imprese locali: sconta la ritenuta d’acconto al 4%

I contributi economici corrisposti una tantum dal Comune a favore di talune attività di impresa del proprio territorio, soggette a chiusura durante l’emergenza sanitaria, dovranno scontare la ritenuta d’acconto del 4 per cento. Le somme non possono essere equiparate ai fini fiscali al contributo a fondo perduto previsto dal decreto “Rilancio” (articolo 25 del Dl n. 34/2020) escluso dalla formazione della base imponibile, ai fini Ires e Irap e, dunque, non soggetto alla ritenuta prevista. E’ quanto chiarito dall’Agenzia delle entrate con la risposta n. 494 del 21 ottobre 2020.

Nel caso in esame la Giunta di un Comune ha approvato una delibera contenente le linee di indirizzo per l’erogazione di un contributo da destinare alle attività che avevano subito dei danni economici a seguito delle chiusure intervenute con l’emergenza  sanitaria. L’istante ritiene che il contributo comunale, vista l’affinità con le forme di sostegno introdotte dal decreto “Rilancio”, possa essere sottoposto al medesimo trattamento fiscale che prevede l’esenzione per queste forme di aiuti.

L’Agenzia, dopo aver ribadito che il contributo a fondo perduto Covid-19 introdotto dal decreto “Rilancio”, per espressa previsione normativa non concorre alla formazione della base imponibile ai fini Ires e Irap e, pertanto, non è soggetto alla ritenuta prevista dall’articolo 28 del Dpr n. 600/1973, ricorda anche che le norme di esenzione in materia tributaria, per effetto della loro natura derogatoria di carattere speciale, sono di stretta interpretazione e non possono essere estese ad altre fattispecie. Perciò, in assenza di una espressa previsione di legge che escluda la rilevanza ai fini delle imposte sui redditi dei contributi pubblici, occorre far riferimento alle ordinarie regole che ne disciplinano la tassazione diretta.

La citata disposizione sulla ritenuta d’acconto al 4%, evidenzia inoltre l’Agenzia, prevede che tutti i contributi corrisposti alle imprese dalle regioni, province e comuni, dagli enti pubblici e privati subiscono la ritenuta alla fonte a titolo di acconto, con la sola esclusione dei contributi per l’acquisto dei beni strumentali (“Le regioni, le provincie, i comuni, gli altri enti pubblici e privati devono operare una ritenuta del quattro per cento a titolo di acconto delle imposte indicate nel comma precedente e con obbligo di rivalsa sull’ammontare dei contributi corrisposti ad imprese, esclusi quelli per l’acquisto di beni strumentali”).
Secondo quanto riferito dall’istante, il contributo in esame non è diretto all’acquisto di beni strumentali, ma rappresenta un sostegno economico straordinario alle imprese in difficoltà a seguito della pandemia.
L’Agenzia, alla luce di tali considerazioni e in assenza di misure che prevedano un regime fiscale di favore per tali erogazioni, ritiene che il contributo corrisposto alle imprese locali sulla base di una delibera comunale assume rilevanza ai fini delle imposte sui redditi deve essere assoggettato, al momento dell’erogazione, alla ritenuta d’acconto al 4 per cento.

Condividi su:
Una tantum alle imprese locali: sconta la ritenuta d’acconto al 4%

Ultimi articoli

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Servizi più agili e priorità ai rimborsi, linee guida e indirizzi operativi 2021

Pronte le linee guida per le attività 2021: con la circolare n.

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Nuovo soggetto in un Gruppo Iva, profili di ingresso in itinere

Con la risoluzione n. 30 del 7 maggio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce precisi chiarimenti sul caso di ingresso in itinere di una società già esistente alla data di costituzione del Gruppo Iva, rispetto alla quale si sono successivamente instaurati i vincoli finanziario, economico e organizzativo previsti dal legislatore.

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Precompilata in dirittura d’arrivo, definite le regole per il 2021

Dal 10 maggio, accesso e visualizzazione online dei modelli 730 e Redditi 2021 precompilati, dal mercoledì successivo, il 19 maggio, la dichiarazione dei redditi potrà essere modificata, integrata e presentata telematicamente, e ancora dopo una settimana, dal 26 maggio, parte la compilazione “assistita” del quadro E del 730/2021.

Attualità 7 Maggio 2021

La rete dei mobility manager dell’Agenzia tutela l’ambiente

Pur operando in un settore a basso impatto ambientale, l’Agenzia delle entrate è costantemente impegnata sul fronte della tutela dell’ambiente, attraverso il monitoraggio e la riduzione delle emissioni, ad esempio nell’ambito della mobilità degli spostamenti casa-lavoro dei propri dipendenti.

torna all'inizio del contenuto