Normativa e prassi

21 Ottobre 2020

Contributi Fasi per i pensionati non imponibili in capo agli “attivi”

La società che ha erroneamente effettuato ritenute Irpef su contributi che non andavano tassati può presentare istanza di rimborso entro il termine decadenziale di 48 mesi, decorrente dal momento del versamento. Qualora dovesse decidere di erogare anticipatamente ai sostituiti l’importo spettante, questo concorrerà alla formazione del reddito di lavoro dipendente.

Sono alcuni dei chiarimenti contenuti nella risposta n. 491 del 21 ottobre 2020. A sollecitarla, una società che chiede di conoscere il corretto trattamento fiscale dei contributi versati dall’azienda per i dirigenti pensionati iscritti al Fondo assistenza sanitaria integrativa (Fasi). In particolare, si vuol sapere se tali contributi – parametrati al numero dei dirigenti in servizio, indipendentemente dalla loro iscrizione al fondo – concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente per i dirigenti in servizio; e, nell’ipotesi in cui non siano imponibili, quali sono le modalità per ottenere il rimborso delle ritenute operate in anni passati.

Secondo la società:

  • i contributi non partecipano alla formazione del reddito dei dirigenti in servizio, che rappresentano sono un parametro per il calcolo dell’importo dovuto dall’azienda
  • le ritenute erroneamente versate possono essere recuperate tramite presentazione di istanza di rimborso da parte della società, in qualità di sostituto d’imposta, entro 48 mesi dalla data del relativo versamento
  • in attesa dell’erogazione del rimborso da parte del Fisco, l’anticipazione delle somme ai dirigenti, da parte delle società, non assume rilevanza reddituale.

L’Agenzia delle entrate ricorda che, in relazione al trattamento fiscale dei contributi di assistenza sanitaria, ha già avuto modo di esprimersi in diversi documenti di prassi. In particolare, nella risoluzione 78/2004, ha precisato che, affinché i contributi Fasi non concorrano a formare il reddito di lavoro dipendente (articolo 51, comma 2, lettera a), Tuir), occorre che anche per quelli a carico del datore di lavoro si possa rinvenire un collegamento diretto tra il versamento effettuato dall’azienda e la posizione del singolo dipendente pensionato, circostanza che, nel caso in esame, non sussiste, dal momento che la società versa al fondo un contributo cumulativo e indifferenziato, parametrato al numero dei dirigenti in servizio, indipendentemente dalla loro iscrizione al fondo stesso. Di conseguenza, i dirigenti in quiescenza, a differenza di quelli in servizio, non beneficiano della norma richiamata. In ogni caso, l’assenza di una imputazione diretta al pensionato del contributo non consente di ravvisare in esso una componente reddituale. A maggior ragione, i contributi versati in favore dei pensionati non generano materia imponibile nei confronti dei dirigenti in servizio.

Per quanto riguarda il rimborso (articolo 38, Dpr n. 602/1973), la relativa istanza può essere presentata o dal sostituto d’imposta che ha effettuato il versamento o dal sostituito che ha percepito le somme erroneamente tassate. Quanto al momento da cui far decorrere il termine decadenziale di 48 mesi, si considera:

  • se il richiedente è il sostituto d’imposta, la data dell’errato versamento della ritenuta. Più precisamente, se il pagamento è avvenuto in totale assenza del presupposto, il termine decorre dalla data del pagamento stesso; se la richiesta riguarda eccedenze di versamenti in acconto o di pagamenti “provvisori”, cui successivamente non corrisponda le determinazione dell’obbligo in via definitiva, il termine decorre dal momento del versamento del saldo (risoluzione 459/2008)
  • se il richiedente è il sostituito, la data in cui la ritenuta è stata erroneamente operata.

Nella fattispecie rappresentata, poiché è la società a presentare l’istanza in qualità di sostituto, il termine decorre dal momento dell’erroneo versamento delle ritenute. Il rimborso sarà erogato direttamente alla società e non ai singoli dirigenti.

Circa l’anticipazione corrisposta dall’azienda in favore dei dirigenti, tali somme concorreranno alla formazione del reddito di lavoro dipendente dei percettori. Questo perché l’elenco delle somme e i valori che non concorrono (o concorrono solo parzialmente) al reddito di lavoro dipendente (citato articolo 51, comma 2, Tuir) è tassativo.

Condividi su:
Contributi Fasi per i pensionati non imponibili in capo agli “attivi”

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

Attualità 26 Gennaio 2022

Contributi editoria, precisazioni per presentare l’istanza corretta

Le imprese editrici che nel 2021 hanno provveduto ad adeguare l’assetto societario ai requisiti previsti dalla legge per beneficiare dei contributi a favore del settore, devono presentare, entro il prossimo 31 gennaio, la domanda di accesso alla sovvenzione nell’attuale configurazione giuridica, indicando la tipologia per la quale il bonus è richiesto tenuto conto della prevalenza della forma societaria nel corso dell’anno.

Analisi e commenti 26 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 11 Piani di risparmio con più appeal

L’ultima legge di bilancio, al fine di potenziare i benefici, fiscali per gli investitori, di liquidità per i riceventi, legati ai piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir) ha previsto, da un lato, per i piani tradizionali, un aumento del tetto massimo relativo all’investimento annuale consentito, per quelli alternativi, meno paletti.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

Sì alla variazione in diminuzione se l’infruttuosità del credito è certa

Per le procedure concorsuali avviate prima del 26 maggio 2021 (data di entrata in vigore del Dl n.

torna all'inizio del contenuto