Normativa e prassi

1 Ottobre 2020

Ok all’ecobonus a un solo cessionario se è l’unico interessato all’acquisto

In presenza di più fornitori, la cessione dell’intero ammontare della detrazione spettante per gli interventi di riqualificazione energetica può avvenire anche nei confronti di un’unica ditta anche nel caso in cui gli altri esecutori dei lavori abbiano rinunciato all’acquisto della loro percentuale di credito d’imposta. A precisarlo la risposta n. 425 del 1° ottobre 2020.
 
Il quesito è del titolare di una ditta che ha effettuato, nel 2018, dei lavori per i quali al committente spetta l’ecobonus. Il suo cliente ha effettuato anche altri interventi di riqualificazione energetica agevolabili rivolgendosi a un altro fornitore, cedendo, nel 2019, l’intero bonus all’istante visto che l’altro esecutore non ha accettato di acquistare la sua parte pro-quota del credito d’imposta.
Il titolare della ditta chiede conferma di poter essere l’unico cessionario della detrazione spettante al committente.
 
La possibilità di trasformare la detrazione d’imposta spettante per gli interventi di riqualificazione energetica in credito d’imposta cedibile ai fornitori è prevista dall’articolo 14, comma 2-sexies, del Dl n. 63/2013. L’alternativa alla fruizione diretta dell’ecobonus, in origine prevista soltanto per la riqualificazione energetica di parti comuni dei condomini, dal 1° gennaio 2018 è stata estesa anche ai lavori effettuati sulle singole unità immobiliari.
L’Agenzia delle entrate ha definito le modalità applicative della norma con i provvedimenti del 28 agosto 2017 e del 18 aprile 2019. Chiarimenti sull’argomento, inoltre, sono stati forniti dall’amministrazione finanziaria con le circolari n. 11/2018 e n. 17/2018.
 
In particolare, la circolare n. 11/2018 ha precisato che i beneficiari dell’agevolazione possono cedere il credito d’imposta:

  • ai fornitori dei beni e servizi necessari alla realizzazione degli interventi agevolabili
  • a privati, per tali intendendosi, oltre alle persone fisiche, anche i soggetti che esercitano attività di lavoro autonomo o d’impresa, anche in forma associata (società ed enti)
  • alle banche e intermediari finanziari nelle sole ipotesi di cessioni effettuate dai soggetti che ricadono nella no tax area.

Per completare il quadro normativo di riferimento, la risposta in esame riporta poi quanto stabilito dal provvedimento del 18 aprile 2019 del direttore dell’Agenzia delle entrate, richiamato anche dall’istante, secondo il quale “in presenza di diversi fornitori, la detrazione cedibile è commisurata all’importo complessivo delle spese sostenute nel periodo di imposta nei confronti di ciascun fornitore”.
 
Dall’esame dei provvedimenti legislativi e di prassi emerge che, in caso di più fornitori, per evitare la duplicazione del bonus spettante, la detrazione è in ogni caso rapportata all’ammontare massimo della spesa sostenuta dal committente per i lavori agevolabili, senza limiti per la cessione del credito così calcolato ai singoli fornitori (potenziali cessionari) sulla base del valore dei beni e servizi forniti.
 
In conclusione, l’Agenzia ritiene che l’istante possa acquisire a titolo di cessione l’intero ammontare dell’ecobonus maturato dal suo cliente, anche se parte del credito acquisito è relativo a interventi effettuati da altri fornitori che hanno rinunciato al credito.

Condividi su:
Ok all’ecobonus a un solo cessionario se è l’unico interessato all’acquisto

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Gennaio 2021

Imposta sui servizi digitali: pronte le regole per partire

Chiusa la fase di consultazione pubblica e raccolti i suggerimenti inviati da professionisti, associazioni di categoria e operatori, sono state definite, con il provvedimento del 15 gennaio 2021, firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, le regole operative dell’imposta sui servizi digitali, introdotta dalla legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

torna all'inizio del contenuto