Attualità

6 Maggio 2020

730/2020, ora in rete anche editabile. Basta un software di lettura e stampa

Da oggi diventano tre le versioni del 730/2020 disponibili per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Sul sito dell’Agenzia delle entrate è arrivato, infatti, come ogni anno, anche il modello in formato editabile, compilabile direttamente dal computer, che si aggiunge al 730 cartaceo e al precompilato.
Per accedervi è sufficiente disporre di un programma adatto alla lettura e alla stampa di file in formato pdf. Disponibile, inoltre, sempre in formato editabile, anche il 730-1 ovvero la scheda per la scelta della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille della propria Irpef.

L’utilizzo è facile, basta scaricare il pdf del 730 sul proprio pc, compilarlo, salvarlo e poi stamparlo. Attenzione non è possibile salvarne una copia online, quindi, meglio non effettuare la compilazione in rete.

Una volta terminata la compilazione e controllati attentamente i dati inseriti (il sistema, al pari del cartaceo, non effettua infatti alcun tipo di verifica o di controllo delle informazioni caricate), il modello non può essere presentato telematicamente, ma va stampato, sottoscritto e consegnato al sostituto d’imposta o a un Caf o a un intermediario abilitato, insieme alla documentazione se richiesta, entro il prossimo 30 settembre per la trasmissione all’Agenzia delle entrate.

Condividi su:
730/2020, ora in rete anche editabile. Basta un software di lettura e stampa

Ultimi articoli

Analisi e commenti 21 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 14 Proroga biennale per i bonus al Sud

Confermata la misura introdotta dalla legge di stabilità 2016 per sostenere la ripresa produttiva nelle “zone assistite” di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Normativa e prassi 20 Gennaio 2021

Una rendita in successione: calcolo della base imponibile

La rendita derivante dal legato non è “vitalizia” ma “a tempo determinato”.

Normativa e prassi 20 Gennaio 2021

Iva accerta, rivalsa non incassata, inaccessibile la nota di variazione

La vicenda esaminata con la risposta n. 49 del 19 gennaio 2021 riguarda un contribuente che, dopo aver versato la maggiore Iva emersa da un accertamento con adesione, ha esercitato, nei confronti del cessionario coinvolto nell’operazione contestata dall’amministrazione finanziaria, il diritto di rivalsa secondo l’articolo 60, ultimo comma, del decreto Iva, emettendo fattura con nota di debito.

Analisi e commenti 20 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 13 Un inedito: il bonus per gli chef

Ai cuochi professionisti di alberghi e ristoranti, che da sempre tengono alto il nome del Paese nel mondo, costretti a incrociare le braccia a causa della pandemia, l’ultimo Bilancio (articolo 1, commi da 117 a 123, legge n.

torna all'inizio del contenuto