Normativa e prassi

23 Marzo 2020

Tax credit cinema, due nuovi elenchi danno il via libera ad altri beneficiari

In un momento di crisi dovuto, soprattutto, alla chiusura forzata delle sale cinematografiche, in aiuto del comparto arrivano due decreti datati 20 marzo 2020, della direzione generale “Cinema e Audiovisivo” del Mibact, relativi, rispettivamente, al credito d’imposta a favore delle imprese attive nel settore e al bonus destinato agli esercenti che investono per il ripristino o la creazione di cinematografi.

In particolare, con il primo decreto direttoriale la Dg pubblica gli esiti delle istruttorie relative alle richieste preventive per il riconoscimento del tax credit alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva, di distribuzione, di produzione esecutiva di opere straniere, alle imprese dell’esercizio cinematografico e agli investitori esterni. Il bonus è utilizzabile a partire dal giorno 10 del mese successivo alla comunicazione di riconoscimento del credito d’imposta. Nella tabella allegata al decreto direttoriale, che costituisce parte integrante del provvedimento, sono indicati i beneficiari dei crediti d’imposta e la somma assegnata.

L’altro decreto riguarda, invece, il riconoscimento del credito d’imposta definitivo per gli investimenti nelle sale cinematografiche, ossia il bonus destinato alle imprese di esercizio cinematografico che effettuano interventi per la realizzazione, il ripristino e l’aumento degli schermi o per l’adeguamento strutturale e il rinnovo degli impianti delle sale già esistenti. In questo caso, nelle tabelle allegate, parte integrante del decreto, sono elencati i nominativi dei beneficiari e il credito definitivo riconosciuto agli esercenti. Gli importi del credito d’imposta riconosciuti sono suddivisi in base al piano di utilizzo specificato dalle imprese richiedenti all’interno della domanda. La somma potrà essere utilizzata dal 10 del mese successivo alla pubblicazione sul sito della Dg “Cinema e Audiovisivo” del decreto in esame e, quindi, dal prossimo 10 aprile.

La pubblicazione dei due provvedimenti sul sito del Mibact costituisce comunicazione ufficiale di assegnazione del credito d’imposta, di conseguenza, i destinatari non riceveranno singole comunicazioni tramite Pec.
La direzione generale evidenzia, inoltre, che i decreti non contengono i beneficiari che hanno ricevuto il riconoscimento del credito tramite Pec e che gli esiti delle ulteriori richieste ancora in fase istruttoria faranno parte di successivi decreti dirigenziali pubblicati online con le stesse modalità.
I destinatari del credito devono provvedere a comunicare tempestivamente alla Dg “Cinema e Audiovisivo” l’eventuale perdita dei requisiti di ammissione alla agevolazione verificatasi dopo l’assegnazione del credito.

Condividi su:
Tax credit cinema, due nuovi elenchi danno il via libera ad altri beneficiari

Ultimi articoli

Normativa e prassi 20 Maggio 2022

Credito per sostegno del Made in Italy. Come si accede all’agevolazione

Con il provvedimento 20 maggio 2022 firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, sono definiti criteri e modalità per fruire del bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana a favore delle reti di imprese agricole e agroalimentari che intendono attuare investimenti per la realizzazione o l’ampliamento delle infrastrutture informatiche destinate al potenziamento del commercio elettronico.

Normativa e prassi 20 Maggio 2022

Visure online planimetrie catastali: come accedono gli agenti immobiliari

Con il provvedimento del direttore, del 20 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate dà attuazione alla recente disposizione normativa, contenuta nella legge n.

Normativa e prassi 20 Maggio 2022

Servizi online open a tutori e rappresentanti

Tutori, curatori speciali, amministratori di sostegno, genitori di figli minorenni e persone di fiducia possono accedere ai servizi online dell’Agenzia in nome e per conto di persone impossibilitate a farlo direttamente o in difficoltà.

Normativa e prassi 20 Maggio 2022

Se il ritardo è fisiologico, e lo è, il premio va a tassazione ordinaria

Il datore di lavoro che corrisponde – negli anni a disciplina invariata –  ai propri dipendenti un premio legato all’efficienza aziendale, non nei termini previsti dalla trattativa sindacale ma, a causa della complessità della valutazione dei risultati raggiunti, in un momento successivo, deve assoggettare le somme alla tassazione ordinaria.

torna all'inizio del contenuto