Normativa e prassi

23 Marzo 2020

Tax credit cinema, due nuovi elenchi danno il via libera ad altri beneficiari

In un momento di crisi dovuto, soprattutto, alla chiusura forzata delle sale cinematografiche, in aiuto del comparto arrivano due decreti datati 20 marzo 2020, della direzione generale “Cinema e Audiovisivo” del Mibact, relativi, rispettivamente, al credito d’imposta a favore delle imprese attive nel settore e al bonus destinato agli esercenti che investono per il ripristino o la creazione di cinematografi.

In particolare, con il primo decreto direttoriale la Dg pubblica gli esiti delle istruttorie relative alle richieste preventive per il riconoscimento del tax credit alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva, di distribuzione, di produzione esecutiva di opere straniere, alle imprese dell’esercizio cinematografico e agli investitori esterni. Il bonus è utilizzabile a partire dal giorno 10 del mese successivo alla comunicazione di riconoscimento del credito d’imposta. Nella tabella allegata al decreto direttoriale, che costituisce parte integrante del provvedimento, sono indicati i beneficiari dei crediti d’imposta e la somma assegnata.

L’altro decreto riguarda, invece, il riconoscimento del credito d’imposta definitivo per gli investimenti nelle sale cinematografiche, ossia il bonus destinato alle imprese di esercizio cinematografico che effettuano interventi per la realizzazione, il ripristino e l’aumento degli schermi o per l’adeguamento strutturale e il rinnovo degli impianti delle sale già esistenti. In questo caso, nelle tabelle allegate, parte integrante del decreto, sono elencati i nominativi dei beneficiari e il credito definitivo riconosciuto agli esercenti. Gli importi del credito d’imposta riconosciuti sono suddivisi in base al piano di utilizzo specificato dalle imprese richiedenti all’interno della domanda. La somma potrà essere utilizzata dal 10 del mese successivo alla pubblicazione sul sito della Dg “Cinema e Audiovisivo” del decreto in esame e, quindi, dal prossimo 10 aprile.

La pubblicazione dei due provvedimenti sul sito del Mibact costituisce comunicazione ufficiale di assegnazione del credito d’imposta, di conseguenza, i destinatari non riceveranno singole comunicazioni tramite Pec.
La direzione generale evidenzia, inoltre, che i decreti non contengono i beneficiari che hanno ricevuto il riconoscimento del credito tramite Pec e che gli esiti delle ulteriori richieste ancora in fase istruttoria faranno parte di successivi decreti dirigenziali pubblicati online con le stesse modalità.
I destinatari del credito devono provvedere a comunicare tempestivamente alla Dg “Cinema e Audiovisivo” l’eventuale perdita dei requisiti di ammissione alla agevolazione verificatasi dopo l’assegnazione del credito.

Condividi su:
Tax credit cinema, due nuovi elenchi danno il via libera ad altri beneficiari

Ultimi articoli

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Aggiornato il modello Iva 74-bis, va presentato dal 2023

Debutta il nuovo modello Iva 74-bis riservato ai curatori della liquidazione giudiziale e ai commissari liquidatori per dichiarare le operazioni effettuate nella frazione d’anno antecedente la dichiarazione di liquidazione.

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Imprese energivore neocostituite. Per il bonus criterio di calcolo forfetario

Le imprese cosiddette “energivore” che autoconsumano l’energia prodotta, anche neocostituite, possono accedere al “credito d’imposta prodotti energetici” facendo riferimento ad un parametro  forfetario nella verifica dell’incremento del costo medio utilizzando i valori correlati all’acquisto del combustibile usato per la produzione di energia.

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Il regime delle accise fa posto a destinatari e speditori certificati

Dall’evoluzione normativa che ha interessato il regime generale delle accise, spiccano due nuovi attori, il “destinatario certificato” e lo “speditore certificato”, introdotti dalla direttiva (Ue) 2020/262 e recepiti dall’ordinamento nazionale con il Dlgs n.

Analisi e commenti 7 Febbraio 2023

Tregua fiscale 5: conciliazione agevolata delle liti fiscali pendenti

La procedura (articolo 1, commi 206-212, legge 197/2022) riguarda le vertenze in cui è parte l’Agenzia delle entrate e prevede la sottoscrizione di un accordo conciliativo fuori udienza, fruendo della riduzione potenziata delle sanzioni (un diciottesimo del minimo edittale) e della possibilità di dilazionare il pagamento del dovuto in venti rate trimestrali.

torna all'inizio del contenuto