Normativa e prassi

23 Marzo 2020

Stop ai versamenti, nuove precisazioni ampliano il raggio di applicazione

L’Agenzia delle entrate non interrompe la linea diretta con i contribuenti. Con la risoluzione n. 14/E del 21 marzo 2020, risponde alle ulteriori richieste di chiarimenti inviate dalle associazioni di categoria in merito alle attività coinvolte dalle sospensioni dei versamenti disposte, dall’articolo 8, comma 1, del Dl n. 9/2020 e dall’articolo 61, comma 2, del Dl n.18/2020.

Il documento conferma che i codici Ateco indicati nell’allegato alla risoluzione n. 12/2020 sono puramente indicativi (vedi “Proroga e sospensione versamenti: i primi chiarimenti dell’Agenzia”) e non individuano tutti i soggetti destinatari delle misure agevolative in argomento disposte a favore delle attività maggiormente danneggiate dallo stop dovuto all’emergenza sanitaria Covid-19.
Le due norme richiamate, che riguardano quindi soltanto determinati settori produttivi, rinviano fino al prossimo 30 aprile la scadenza dei versamenti delle ritenute alla fonte e dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria.

La risoluzione n. 14/2020, oltre a precisare che l’elenco dei soggetti alla risoluzione n. 12/2020 è indicativo e non è esaustivo di tutte le ipotesi a cui la sospensione è applicabile, fornisce alcuni ulteriori esempi di codici Ateco che possono usufruire della proroga:
 

  • 52.10.10 magazzini di custodia e deposito per conto terzi
  • 52.10.20 magazzini frigoriferi per conto terzi
  • 52.21.40 gestione di centri di movimentazione merci (interporti)
  • 52.22.01 liquefazione e rigassificazione di gas a scopo di trasporto marittimo e per vie d’acqua effettuata al di fuori del sito di estrazione
  • 52.22.09 altre attività dei servizi connessi al trasporto marittimo e per vie d’acqua
  • 52.29.10 spedizionieri e agenzie di operazioni doganali
  • 52.29.21 intermediari dei trasporti
  • 52.29.22 servizi logistici relativi alla distribuzione delle merci
  • 52.24.10 movimento merci relativo a trasporti aerei
  • 52.24.20 movimento merci relativo a trasporti marittimi e fluviali
  • 52.24.30 movimento merci relativo a trasporti ferroviari
  • 52.24.40 movimento merci relativo ad altri trasporti terrestri
  • 53.20.00 altre attività postali e di corriere senza obbligo di servizio universale.
Condividi su:
Stop ai versamenti, nuove precisazioni ampliano il raggio di applicazione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Tasse automobilistiche Valle d’Aosta, soppressi i vecchi bollettini

Alla luce della piena attuazione delle misure che attribuiscono alla Regione Valle d’Aosta a partire dal 1° gennaio 2010, il compito di riscuotere direttamente le tasse automobilistiche, vanno in pensione il bollettino generico per il ciclomotore con banda verde, quello per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi con banda rossa e quello per il riversamento tasse automobilistiche con banda grigia.

Dati e statistiche 26 Maggio 2022

Dal Mef analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali 2021

Il dipartimento delle Finanze rende note con il comunicato odierno le statistiche riguardanti gli Isa, le dichiarazioni delle persone fisiche titolari di partita Iva e in base al reddito prevalente trasmesse dai contribuenti nel 2021, relative al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Contributi al social manager, obblighi di comunicazione della Pa

Con la risposta n. 308 del 26 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che l’obbligo di comunicazione a carico dell’ente pubblico che corrisponde ad imprese commerciali contributi assoggettabili a ritenuta d’acconto, previsto dalle disposizioni relative all’anagrafe tributaria ed al codice fiscale dei contribuenti, è in concreto assolto mediante l’inserimento dei dati nel quadro SF del modello 770, da inviare annualmente entro il 31 ottobre di ogni anno.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

La società titolare è consenziente, via al Superbonus per il locatario

Gli interventi edilizi agevolabili, effettuati su una unità abitativa detenuta in locazione, “funzionalmente indipendente” e con “uno o più accessi autonomi dall’esterno”, sono ammessi al Superbonus, indipendentemente dalla circostanza che l’immobile sia ubicato in un edificio escluso dall’agevolazione, perché di proprietà di una società di capitali.

torna all'inizio del contenuto