Attualità

13 Marzo 2020

Modello 730/2020: pubblicate le versioni in tedesco e sloveno

In rete approdano le versioni bilingue italo-tedesca e italo-slovena del modello 730/2020, con le relative istruzioni e le schede per la scelta della destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef. Le traduzioni, realizzate per agevolare i contribuenti residenti in Alto Adige e Friuli Venezia Giulia nell’assolvimento dei propri adempimenti dichiarativi, seguono il passo, come di consueto, dei cambiamenti normativi e delle relative novità, riproducendo fedelmente il modello monolingue approvato lo scorso 15 gennaio (vedi articolo “Cu, 730, 770 e Iva superano i test: online i modelli 2020 definitivi”).

Nello specifico si tratta di:
Vordruck 730/2020 versione bilingue, con le relative istruzioni Anleitungen für die Abfassung in tedesco
Obrazec 730/2020 versione bilingue, con le relative istruzioni Navodila za izpolnjevanje in sloveno.

Condividi su:
Modello 730/2020: pubblicate le versioni in tedesco e sloveno

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto