Attualità

14 Gennaio 2019

Ristrutturazioni e interessi passivi:nuovi software per la precompilata

Attualità

Ristrutturazioni e interessi passivi:
nuovi software per la precompilata

Si tratta di applicazioni informatiche di prova, non ancora definitive perché in attesa dei relativi provvedimenti di approvazione, utili come apripista di adempimenti prossimi

Ristrutturazioni e interessi passivi:|nuovi software per la precompilata
Sono in Rete, sul sito dell’Agenzia, i software di compilazione e controllo delle comunicazioni di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico su parti comuni di edifici condominiali effettuate dal 2018 e delle relative cessioni del credito. Solo controllo, invece, per le comunicazioni degli operatori finanziari relative agli interessi passivi.
 
Il prodotto informatico di compilazione è rintracciabile nella sezione “software di compilazione”, nella categoria “comunicazioni”, mentre i pacchetti di controllo sono disponibili, per le applicazioni “Entratel” e “File internet”, nel “desktop telematico”, rispettivamente, nelle categorie “controlli comunicazioni da contribuenti” – le spese di ristrutturazione di parti comuni condominiali – e “controlli comunicazioni da operatori finanziari, commerciali e assicurazioni” – gli interessi passivi.
 
In ogni caso, trattandosi di prodotti non ancora definitivi, in attesa dei provvedimenti di approvazione, l’Agenzia avverte che potrebbero subire variazioni e che, con un avviso, annuncerà l’apertura del canale telematico.

pubblicato Lunedì 14 Gennaio 2019

Condividi su:
Ristrutturazioni e interessi passivi:nuovi software per la precompilata

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto