Attualità

14 Dicembre 2018

Iva nel commercio elettronico:parte la consultazione pubblica

Attualità

Iva nel commercio elettronico:
parte la consultazione pubblica

Fino al prossimo 15 gennaio gli operatori interessati potranno inviare osservazioni, commenti e contributi mediante il form disponibile sul sito del dipartimento delle Finanze

Iva nel commercio elettronico:|parte la consultazione pubblica
Sul sito del dipartimento delle Finanze è stato pubblicato l’avviso relativo al lancio di una consultazione pubblica nazionale sulle proposte adottate dalla Commissione Ue dirette all’attuazione della direttiva 2017/2455 in materia di Iva nel commercio elettronico.
 
L’iniziativa ha come scopo quello di consentire a una platea più vasta possibile di operatori di presentare osservazioni e commenti ed è rivolta ad associazioni economico-professionali, professionisti, centri di ricerca, università e privati cittadini.
 
Fino al 15 gennaio 2019, gli interessati potranno inviare i propri contributi attraverso l’apposito form disponibile sul sito del dipartimento.
 
La normativa europea oggetto di consultazione
Lo scorso 11 dicembre la Commissione Ue ha emanato due proposte finalizzate all’attuazione della direttiva 2017/2455 sull’Iva nel commercio elettronico.
 
Le due proposte in consultazione sono le seguenti:

  • proposta di direttiva Com(2018) 819 – modifica della direttiva Iva (2006/112/Ce) per quanto riguarda le disposizioni relative alle vendite a distanza di beni e a talune cessioni nazionali di beni
  • proposta di Regolamento di esecuzione Com(2018) 821 – modifica del regolamento (Ue) n. 282/2011 per quanto riguarda le cessioni di beni o le prestazioni di servizi facilitate da interfacce elettroniche e i regimi speciali per i soggetti passivi che prestano servizi a persone che non sono soggetti passivi, effettuano vendite a distanza di beni e talune cessioni nazionali di beni.

pubblicato Venerdì 14 Dicembre 2018

Condividi su:
Iva nel commercio elettronico:parte la consultazione pubblica

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto