Attualità

27 Novembre 2018

Tax credit pubblicità per il 2017:la misura dopo il 31 gennaio 2019

Attualità

Tax credit pubblicità per il 2017:
la misura dopo il 31 gennaio 2019

La “grandezza” dell’agevolazione fiscale realmente fruibile sarà stabilita con provvedimento e solo successivamente i beneficiari potranno utilizzare lo sconto in compensazione

Tax credit pubblicità per il 2017:|la misura dopo il 31 gennaio 2019

Con una news pubblicata sul proprio sito, il dipartimento per l’Informazione e l’Editoria precisa che l’elenco online dallo scorso 21 novembre riguarda soltanto gli operatori che hanno “prenotato” il credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali per il 2018. L’ammontare preciso del bonus sarà determinato dopo il 31 gennaio del prossimo anno, con provvedimento dello stesso dipartimento.
 
Questo perché le informazioni relative agli investimenti incrementali realizzati nel 2017 saranno trasmesse, dall’Agenzia delle entrate al dipartimento, insieme ai dati del 2018 che, per essere comunicati, dovranno essere prima acquisiti. Ciò avverrà, appunto, dal 1° al 31 gennaio 2019.
Tanto premesso, sarà possibile calcolare la “grandezza” dell’importo a credito effettivamente fruibile, per entrambi gli anni, solo a partire da tale ultima data.
 
L’ammontare preciso verrà disposto con provvedimento del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria; successivamente saranno messi in Rete gli elenchi dei beneficiari e degli importi concessi a ciascuno. Da questo momento i titolari del bonus fiscale potranno utilizzare il loro tax credit in compensazione.

pubblicato Martedì 27 Novembre 2018

Condividi su:
Tax credit pubblicità per il 2017:la misura dopo il 31 gennaio 2019

Ultimi articoli

Normativa e prassi 3 Febbraio 2023

Spese di lite dell’ente soccombente, Cu dovuta anche se erogate al sostituto

Un ente pubblico risultato perdente in una lite giudiziaria, è tenuto ad emettere la certificazione unica per le spese di giudizio, anche se sono destinate a un libero professionista munito di delega all’incasso, a nulla rilevando il regime fiscale adottato da quest’ultimo (ordinario o forfetario) e l’eventuale qualifica di sostituto d’imposta della controparte vittoriosa.

Analisi e commenti 3 Febbraio 2023

Tregua fiscale 3: definizione atti del procedimento di accertamento

Già a regime e pienamente utilizzabile la disciplina contenuta nella legge di bilancio che consente di definire in maniera agevolata le sanzioni relative agli atti del procedimento di accertamento emessi dagli uffici dell’Agenzia delle entrate (articolo 1, commi 179-185, legge 197/2022).

Attualità 3 Febbraio 2023

Registrazione a zero carta, se sull’atto c’è la firma digitale

Per gli atti firmati digitalmente, inviati tramite posta elettronica certificata o attraverso il servizio telematico “Consegna documenti e istanze”, disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate, la registrazione è automatica.

Attualità 2 Febbraio 2023

Audizione delle Entrate al Senato. In rassegna la sanità integrativa

È terminata l’audizione dell’Agenzia tenutasi questa mattina presso la 10a Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale del Senato.

torna all'inizio del contenuto