Attualità

27 Novembre 2018

Tax credit pubblicità per il 2017:la misura dopo il 31 gennaio 2019

Attualità

Tax credit pubblicità per il 2017:
la misura dopo il 31 gennaio 2019

La “grandezza” dell’agevolazione fiscale realmente fruibile sarà stabilita con provvedimento e solo successivamente i beneficiari potranno utilizzare lo sconto in compensazione

Tax credit pubblicità per il 2017:|la misura dopo il 31 gennaio 2019

Con una news pubblicata sul proprio sito, il dipartimento per l’Informazione e l’Editoria precisa che l’elenco online dallo scorso 21 novembre riguarda soltanto gli operatori che hanno “prenotato” il credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali per il 2018. L’ammontare preciso del bonus sarà determinato dopo il 31 gennaio del prossimo anno, con provvedimento dello stesso dipartimento.
 
Questo perché le informazioni relative agli investimenti incrementali realizzati nel 2017 saranno trasmesse, dall’Agenzia delle entrate al dipartimento, insieme ai dati del 2018 che, per essere comunicati, dovranno essere prima acquisiti. Ciò avverrà, appunto, dal 1° al 31 gennaio 2019.
Tanto premesso, sarà possibile calcolare la “grandezza” dell’importo a credito effettivamente fruibile, per entrambi gli anni, solo a partire da tale ultima data.
 
L’ammontare preciso verrà disposto con provvedimento del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria; successivamente saranno messi in Rete gli elenchi dei beneficiari e degli importi concessi a ciascuno. Da questo momento i titolari del bonus fiscale potranno utilizzare il loro tax credit in compensazione.

pubblicato Martedì 27 Novembre 2018

Condividi su:
Tax credit pubblicità per il 2017:la misura dopo il 31 gennaio 2019

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Wallet utilizzabile ad ampio raggio, per l’Iva è un voucher multiuso

Le cessioni e le prestazioni di servizi pagate con un borsellino elettronico che consente di effettuare trasferimenti soggetti ad aliquote Iva differenti sono considerate realizzate quando avviene l’operazione e non all’emissione del buono, e devono essere documentate in quel momento con fattura o tramite memorizzazione elettronica e invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

torna all'inizio del contenuto