Normativa e prassi

10 Agosto 2018

Disciplina dell’impresa sociale:pubblicato il decreto correttivo

Normativa e prassi

Disciplina dell’impresa sociale:
pubblicato il decreto correttivo

Le modifiche riguardano numerosi aspetti della normativa (entrata in vigore lo scorso anno) dettata dal Dlgs 112/2017, tra cui anche le disposizioni relative ai profili tributari

Disciplina dell’impresa sociale:|pubblicato il decreto correttivo
Arriva in Gazzetta Ufficiale il decreto correttivo della disciplina dell’impresa sociale: nella Serie Generale n. 185, di oggi, infatti, è stato pubblicato il Dlgs 95/2018, contenente le disposizioni integrative e correttive del Dlgs 112/2017. 
Numerosi sono gli aspetti della disciplina entrata in vigore lo scorso anno a essere interessati dalle novità: tra gli altri, il lavoro all’interno dell’impresa sociale (con particolare riferimento all’utilizzazione dei lavoratori molto svantaggiati e dei volontari), i tempi per l’adeguamento degli statuti alla nuova normativa e le disposizioni relative alle agevolazioni tributarie.

Le misure fiscali: le novità
Queste, in sintesi, le novità dal punto di vista tributario:

  • previsione della non imponibilità delle somme destinate al versamento del contributo per l’attività ispettiva (prevista dall’articolo 15, Dlgs 112/2017) e delle somme destinate ad apposite riserve (l’utilizzazione delle riserve a copertura di perdite è consentita, e non comporta la decadenza dal beneficio, sempre che non si dia luogo a distribuzione di utili fino a quando le riserve non siano  state ricostituite)
  • altresì non concorrono a formare il reddito imponibile delle imprese sociali le imposte sui redditi riferibili alle variazioni effettuate ai sensi dell’articolo 83, Tuir; questa disposizione, peraltro, è applicabile solo se determina un utile o un maggior utile da destinare a incremento del patrimonio
  • imponibilità di qualsiasi distribuzione di utili ai soci, anche qualora ciò avvenga sotto forma di aumento gratuito del capitale nei limiti delle variazioni Istat
  • modifica della disciplina delle agevolazioni connesse agli investimenti nel capitale delle imprese sociali; in particolare, le nuove disposizioni prevedono che la detrazione Irpef del 30% opera con riferimento alle somme investite (dopo l’entrata in vigore del Dlgs 112/2017) nel capitale sociale di una o più società, incluse società cooperative, che hanno acquisito la qualifica di impresa sociale da non più di cinque anni e che l’investimento massimo detraibile non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 1.000.000 euro e deve essere mantenuto per almeno cinque anni; analogamente, si prevede che, ai fini Ires, non concorre alla formazione del reddito il 30% della somma investita (dopo l’entrata in vigore del Dlgs 112/2017) nel capitale sociale di una o più società, incluse le cooperative, che hanno acquisito la  qualifica di impresa sociale da non più  di cinque anni e che l’investimento massimo deducibile non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 1.800.000 euro e deve essere mantenuto per almeno cinque anni
  • le disposizioni relative alla detrazione Irpef e alla deducibilità Ires si applicano anche agli atti di dotazione e ai contributi di qualsiasi natura in favore di fondazioni che abbiano acquisito la qualifica di impresa sociale da non più di cinque anni
  • previsione dell’obbligo per le amministrazioni che esercitano la vigilanza sulle imprese sociali di trasmettere all’Amministrazione finanziaria gli esiti dei controlli di loro competenza, allo scopo di garantire la corretta applicazione delle misure fiscali; a sua volta l’Amministrazione finanziaria, eseguite le dovute verifiche, trasmette alle amministrazioni vigilanti ogni elemento utile per la valutazione circa l’eventuale perdita della qualifica di impresa sociale
  • si stabilisce che in caso di violazione delle disposizioni che prevedono benefici fiscali, oltre alla decadenza dalle agevolazioni, si applica l’articolo 2545-sexiesdecies c.c. in materia di gestione commissariale.

Infine, il termine entro il quale le imprese sociali già costituite sono tenute ad adeguarsi alla nuova disciplina passa da 12 a 18 mesi.
 

pubblicato Venerdì 10 Agosto 2018

Condividi su:
Disciplina dell’impresa sociale:pubblicato il decreto correttivo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Tasse automobilistiche Valle d’Aosta, soppressi i vecchi bollettini

Alla luce della piena attuazione delle misure che attribuiscono alla Regione Valle d’Aosta a partire dal 1° gennaio 2010, il compito di riscuotere direttamente le tasse automobilistiche, vanno in pensione il bollettino generico per il ciclomotore con banda verde, quello per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi con banda rossa e quello per il riversamento tasse automobilistiche con banda grigia.

Dati e statistiche 26 Maggio 2022

Dal Mef analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali 2021

Il dipartimento delle Finanze rende note con il comunicato odierno le statistiche riguardanti gli Isa, le dichiarazioni delle persone fisiche titolari di partita Iva e in base al reddito prevalente trasmesse dai contribuenti nel 2021, relative al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Contributi al social manager, obblighi di comunicazione della Pa

Con la risposta n. 308 del 26 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che l’obbligo di comunicazione a carico dell’ente pubblico che corrisponde ad imprese commerciali contributi assoggettabili a ritenuta d’acconto, previsto dalle disposizioni relative all’anagrafe tributaria ed al codice fiscale dei contribuenti, è in concreto assolto mediante l’inserimento dei dati nel quadro SF del modello 770, da inviare annualmente entro il 31 ottobre di ogni anno.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

La società titolare è consenziente, via al Superbonus per il locatario

Gli interventi edilizi agevolabili, effettuati su una unità abitativa detenuta in locazione, “funzionalmente indipendente” e con “uno o più accessi autonomi dall’esterno”, sono ammessi al Superbonus, indipendentemente dalla circostanza che l’immobile sia ubicato in un edificio escluso dall’agevolazione, perché di proprietà di una società di capitali.

torna all'inizio del contenuto