Attualità

27 Luglio 2018

Crediti d’imposta cinema:domande fino al 10 agosto

Attualità

Crediti d’imposta cinema:
domande fino al 10 agosto

La proroga dei termini di presentazione è stata comunicata dalla competente direzione generale del Mibact e riguarda le agevolazioni dell’ambito produzione e dell’ambito esercizio

Crediti d’imposta cinema:|domande fino al 10 agosto
Con un avviso pubblicato sul proprio sito istituzionale, la direzione generale Cinema del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) comunica la proroga dei termini per la presentazione delle domande per l’accesso ad alcune tipologie di credito d’imposta nell’ambito del settore cinematografico e audiovisivo.
 
La nuova scadenza è fissata alle ore 12 di venerdì 10 agosto.
 
In particolare, la proroga riguarda i tax credit dell’ambito produzione e dell’ambito esercizio.
 
Per quanto concerne l’ambito produzione, le agevolazioni interessate sono le seguenti:

  • credito d’imposta per la produzione di film – passaggio a nuovo regime
  • credito d’imposta per la produzione di opere tv – passaggio a nuovo regime
  • credito d’imposta per la produzione di opere web – passaggio a nuovo regime
  • credito d’imposta per la distribuzione nazionale – passaggio a nuovo regime
  • credito d’imposta per la produzione esecutiva di opere straniere – passaggio a nuovo regime. 

Invece, con riferimento all’ambito esercizio i tax credit interessati sono:

  • credito d’imposta per la realizzazione, il ripristino e l’aumento degli schermi (interventi iniziati a partire dal 1 gennaio 2016)
  • credito d’imposta per l’adeguamento strutturale e tecnologico (interventi iniziati a partire dal 1 gennaio 2016). 
    In ogni caso, tutte le domande potranno essere inviate anche in presenza di errori non bloccanti identificati con un triangolo e una scritta rossa. Le eventuali anomalie saranno poi valutate nel corso dell’istruttoria finalizzata all’ammissibilità delle istanze.
     
    Infine, la Direzione comunica che:
  • per le domande dell’ambito produzione ancora da completare, sarà possibile indicare l’aliquota attesa e descrivere eventuali anomalie riscontrate nella compilazione della domanda
  • a breve, sarà disponibile sulla piattaforma Dgcol un’apposita domanda per la variazione del piano di utilizzo, che quindi potrà essere modificato secondo le disposizioni normative.

pubblicato Venerdì 27 Luglio 2018

Condividi su:
Crediti d’imposta cinema:domande fino al 10 agosto

Ultimi articoli

Dati e statistiche 7 Ottobre 2022

Superbonus 110% oltre la soglia dei 51mld di euro d’investimenti

Non si ferma il “cantiere-Superbonus”. Gli oltre 51 miliardi di euro di investimenti monitorati dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea), nell’ambito di accesso al Superbonus, hanno già fruttato detrazioni per più di 35 miliardi, nel corso del prossimo quinquennio, considerando soltanto i lavori già realizzati.

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Cessione dei bonus edilizi, le novità dei decreti “Aiuti” e “Aiuti-bis”

Pronti i chiarimenti interpretativi dell’Agenzia sulle novità che hanno interessato la cessione o lo sconto in fattura dei bonus edilizi dopo la conversione in legge dei decreti “Aiuti” (Dl n.

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Nuovi bonus gas e carburanti, dal 6 ottobre via alle cessioni

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate di oggi, 6 ottobre 2022 estende alla cessione degli ulteriori crediti d’imposta introdotti dai decreti legge “Aiuti” e “Aiuti-bis”, a favore di determinati settori, per l’acquisto di energia elettrica, gas e carburanti, le modalità operative già definite con il provvedimento dello scorso 30 giugno (vedi articolo “Cessioni bonus imprese energivore, comunicazioni a partire dal 7 luglio”).

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Gruppo Iva, per la controllante estera occhio al volume d’affari e ricavi

Con la risposta n. 487 del 5 ottobre 2022, l’Agenzia precisa che, ai fini dell’identificazione del rappresentante del gruppo Iva, occorre far riferimento al valore più elevato tra i due dati (il volume d’affari e i ricavi) cui fa rinvio il disposto normativo di riferimento, come risultante dalle dichiarazioni presentate ai fini Iva e ai fini delle imposte sui redditi, relative al periodo d’imposta precedente la costituzione del gruppo Iva.

torna all'inizio del contenuto