Attualità

27 Luglio 2018

Precompilata 2018: salgono del 50%i modelli trasmessi senza “ritocchi”

Attualità

Precompilata 2018: salgono del 50%
i modelli trasmessi senza “ritocchi”

Sono 2,9 milioni le dichiarazioni inviate direttamente dai cittadini, con una crescita, rispetto allo scorso anno, del 18,5 per cento. Le regioni guida sono Lombardia, Lazio e Veneto

Precompilata 2018: salgono del 50%|i modelli trasmessi senza “ritocchi”

Non ci sono dubbi, i dati parlano chiaro: la dichiarazione dei redditi precompilata piace e sono sempre di più i cittadini che prendono confidenza con questo sistema (giunto ormai al suo quarto anno di vita) e visualizzano, accettano o integrano, e spediscono via web, in piena autonomia, il modello “preconfezionato” dall’Agenzia delle entrate.
 
Nel dettaglio, sono stati 2.877.628 i modelli presentati on line direttamente dai contribuenti, con una crescita di 448.663 dichiarazioni (+18,5%) rispetto al 2017 (2.428.995): 143mila i modelli Redditi e circa 2,7 milioni i 730.
Guardando al passato, nel 2015 (anno di avvio in forma sperimentale del sistema) furono 1,4 milioni gli invii “fai da te”, nel 2016 (primo anno a regime) 2,1 milioni e 2,4 milioni nel 2017.
 
Nel 2018 sono, inoltre, aumentati del 50% i 730 precompilati restituiti senza modifiche (529mila). Si tratta di un dato importante, perché dimostra come l’Agenzia delle entrate, grazie anche al supporto tecnologico di Sogei, si presenti all’appuntamento ogni anno più “preparata”, con dichiarazioni che richiedono sempre meno l’intervento del contribuente e con informazioni che diventano ancor più dettagliate e precise.
Complessivamente sono stati 925 milioni i dati precaricati nei modelli 2018. Quest’anno, ad esempio, mamme e papà hanno trovato già al loro posto, tra gli oneri detraibili, le spese per le rette degli asili nido.
E ancora, tra le novità di maggiore rilevanza, la “compilazione assistita”, che ha consentito di modificare, in modo semplice e veloce, le spese sanitarie nel quadro E.
 
Sul podio, al primo posto la Lombardia
La Lombardia occupa il posto più alto del podio per numero dichiarazioni trasmesse direttamente dai contribuenti, con 696.567 invii (+17% rispetto all’anno scorso), al secondo posto il Lazio (339.680, +21%), seguito dal Veneto (308.730, +17%).
Buoni i risultati anche per Piemonte (263.555, +17%), Emilia-Romagna (189.038, +18%), Toscana (167.588, +20%) e Campania (164.727, +27%).
 
Su e giù per fasce d’età, tutte in salita
Sono stati soprattutto i cittadini tra i 41 e i 50 anni a scegliere di trasmettere via web, da soli, il loro modello 730 (574mila, +8% rispetto all’anno scorso). Il secondo posto spetta alla fascia d’età che va dai 51 ai 60 anni (529mila invii, +13%), seguiti dai sessantenni (452mila, +12%), ancora dietro i trentenni con 423mila invii (+11%).
Decisivo salto in avanti dai parte dei ragazzi tra i 19 e i 25 anni, che con 82mila invii in perfetta autonomia aumentano la loro percentuale dell’89% rispetto al 2017.
Dato di tutto rispetto, infine, anche per i contribuenti di età compresa tra 71 e 80 anni: 314mila le dichiarazioni spedite, 19 punti in più rispetto allo scorso anno.
 
Per concludere un primo bilancio 2018, inoltre, bisogna dire che quest’anno sono più che triplicati i contribuenti che hanno utilizzato Spid per entrare in “contatto” con la loro dichiarazione dei redditi precompilata, in 226mila hanno scelto la chiave unica di accesso alla Pa, preferendola al percorso tramite le credenziali rilasciate da Fisconline e Inps.
Sono stati anche molto apprezzati il grafico a torta e la tabella attraverso cui ognuno ha potuto constare, in modo facile e trasparente, la strada presa dalle imposte versate in base alla propria dichiarazione dei redditi 2017, distribuite nei principali settori di spesa dello Stato.
 

pubblicato Venerdì 27 Luglio 2018

Condividi su:
Precompilata 2018: salgono del 50%i modelli trasmessi senza “ritocchi”

Ultimi articoli

Attualità 27 Settembre 2022

Bonus digitalizzazione tour operator, autorizzazioni al via da fine mese

Fissati, in un avviso del 21 settembre 2022, pubblicato sul sito del Mit, i termini di presentazione delle ulteriori richieste di autorizzazione all’utilizzo del bonus digitalizzazione destinato ad agenzie turistiche e tour operator.

Analisi e commenti 26 Settembre 2022

“Aiuti ter” – 1: a novembre un nuovo bonus di 150 euro

Un ulteriore aiuto economico per le famiglie alle prese con l’aumento dei prezzi al consumo.

Attualità 26 Settembre 2022

Bonus per il rientro dei “cervelli”, proroga entro il 27 settembre

I ricercatori e i docenti iscritti all’Aire o cittadini Ue, tornati in Italia prima del 2020, che al 31 dicembre 2019 risultavano beneficiari del bonus fiscale, introdotto per incentivare il rientro dei “cervelli” nel nostro Paese, e che entro il 31 dicembre 2021 hanno concluso il primo periodo di fruizione dell’agevolazione, hanno tempo fino a domani, martedì 27 settembre, per versare l’una tantum necessaria a prorogare il regime agevolato.

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

torna all'inizio del contenuto