Normativa e prassi

25 Luglio 2018

Credito d’imposta pubblicità:decreto attuativo in Gazzetta

Normativa e prassi

Credito d’imposta pubblicità:
decreto attuativo in Gazzetta

Per il 2018, la comunicazione telematica di accesso al beneficio deve essere presentata a partire dal sessantesimo giorno ed entro il novantesimo giorno successivo al 24 luglio

Credito d’imposta pubblicità:|decreto attuativo in Gazzetta
Le regole attuative del bonus pubblicità approdano in Gazzetta Ufficiale: nella Serie generale n. 170 di ieri, infatti, è stato pubblicato il Dpcm 16 maggio 2018 n. 90 contenente la disciplina dei criteri e delle modalità per il riconoscimento degli incentivi fiscali relativi agli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali.
 
I contenuti del provvedimento sono stati già analizzati in un precedente articolo (vedi “Credito d’imposta pubblicità: le novità del decreto attuativo”).

 
Si ricordano, in sintesi, gli aspetti salienti della disciplina:

  • beneficiari – imprese o lavoratori autonomi, indipendentemente dalla natura giuridica, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile adottato, nonché enti non commerciali
  • investimenti agevolabili – investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, effettuati dal 1° gennaio 2018, il cui valore superi di almeno l’1% gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente (investimenti incrementali); inoltre, sono altresì agevolabili gli investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, effettuati dal 24 giugno al 31 dicembre 2017, purché il loro valore superi almeno dell’1% l’ammontare degli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nel 2016
  • tipologia di agevolazione – credito d’imposta
  • misura dell’agevolazione – 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e start up innovative
  • utilizzo del tax credit – il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, tramite il modello F24, da presentare attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate
  • limiti – il beneficio è alternativo e non cumulabile con ogni altra agevolazione prevista dalla normativa nazionale, regionale o comunitaria
  • procedura di accesso all’agevolazione – per accedere al credito d’imposta, gli interessati, nel periodo compreso dal 1° al 31 marzo di ciascun anno, devono presentare un’apposita comunicazione telematica (con le modalità che saranno definite dal dipartimento per l’Informazione e l’editoria); per il 2018 la comunicazione telematica deve essere presentata a partire dal sessantesimo giorno ed entro il novantesimo giorno successivo al 24 luglio 2018 (data di pubblicazione del decreto); per gli investimenti incrementali effettuati dal 24 giugno al 31 dicembre 2017 la comunicazione va effettuata in modo separato
  • entrata in vigore del decreto – 8 agosto 2018.

pubblicato Mercoledì 25 Luglio 2018

Condividi su:
Credito d’imposta pubblicità:decreto attuativo in Gazzetta

Ultimi articoli

Attualità 6 Maggio 2021

Bonus pubblicità, online l’elenco per gli investimenti sulla stampa

Pubblicato, sul sito del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria l’elenco, trasmesso dall’Agenzia delle entrate, dei soggetti che hanno “prenotato” il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari.

Analisi e commenti 6 Maggio 2021

La stabile organizzazione – 1 dal modello Ocse al nostro Tuir

La stabile organizzazione rappresenta il criterio di collegamento o soglia minima che consente di ripartire la potestà impositiva tra stato della fonte e della residenza.

Dati e statistiche 5 Maggio 2021

Entrate tributarie gennaio-marzo 2021. Ancora sotto l’effetto della pandemia

Nel primo trimestre del 2021 le entrate tributarie hanno registrato un recupero dello 0,8% portando 803 milioni di euro in più nelle casse dello Stato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per un totale di 99.

Attualità 5 Maggio 2021

Crescita digitale obiettivo prioritario. Ne ha parlato oggi il direttore Ruffini

Si è svolta stamattina, 5 maggio 2021, presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe tributaria l’audizione del direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, sui progetti di digitalizzazione e innovazione tecnologica delle banche dati fiscali.

torna all'inizio del contenuto