Attualità

20 Giugno 2018

Liti tributarie pendenti -8,51% nel primo trimestre 2018

Attualità, Dati e statistiche

Liti tributarie pendenti -8,51%
nel primo trimestre 2018

Nel periodo gennaio – marzo di quest’anno le controversie si sono ridotte a 409.787. Da sottolineare l’utilizzo dell’invio telematico degli atti processuali, pari al 43% di quelli pervenuti

Liti tributarie pendenti -8,51% |nel primo trimestre 2018
Continua il trend positivo, iniziato nell’anno 2012, del calo delle liti tributarie pendenti: nel primo trimestre del 2018 si sono ridotte dell’8,51% (pari a 409.787) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Il confronto dei dati mostra una riduzione del contenzioso con il Fisco per i due gradi di giudizio dello 0,61% (-358 ricorsi) rispetto al primo trimestre 2017 e del -9,67% (-6.248 ricorsi) nei confronti dello stesso periodo del 2016. Le analisi sono contenute nel rapporto sul contenzioso tributario con le relative appendici statistiche, pubblicati sul sito del dipartimento delle Finanze.

Le nuove controversie attivate presso le Commissioni tributarie provinciali ammontano a 42.355 ricorsi, mostrando una crescita del 3,23%, mentre i ricorsi definiti – 51.158 – indicano una diminuzione del 19,46%.

Gli appelli pervenuti nelle Commissioni tributarie regionali sono 16.010, facendo registrare un calo del 9,51%; quelli definiti sono 15.309 corrispondenti a una crescita dell’1,30%.

Le liti affrontate in primo grado di giudizio, nel primo trimestre 2018, risultano completamente favorevoli all’ente impositore per il 46,35% del totale dei provvedimenti emanati, per un valore complessivo di 2.401,78 milioni di euro; la percentuale dei giudizi completamente favorevoli al contribuente è il 31,31% corrispondenti a un valore di 941,26 milioni di euro. Infine la percentuale dei giudizi intermedi si attesta all’11,34% per un valore di 990,72 milioni di euro.

Gli appelli discussi presso le Commissioni tributarie regionali conclusi con esito completamente favorevole all’ente impositore sono il 46,14% del totale dei provvedimenti emessi, per un ammontare complessivo pari a 1.235,63 milioni di euro; i giudizi completamente favorevoli al contribuente sono pari al 37,2% per un importo di 880,60 milioni di euro; i giudizi intermedi corrispondono a una percentuale dell’8,45% corrispondente a un valore complessivo di 449,34 milioni di euro.
Le domande di sospensione accolte nel primo grado di giudizio rappresentano il 44,17% delle istanze complessivamente decise, e il loro valore è pari a 552,76 milioni di euro; quelle accolte nel secondo grado corrispondono al 24,67% del totale delle istanze decise, e il relativo valore è pari a 82,90 milioni di euro.

Infine, occorre evidenziare che sono stati trasmessi attraverso il servizio telematico il 43% degli atti depositati nei due gradi di giudizio. In particolare sono stati inviati per via telematica il 14% dei ricorsi, il 47% delle controdeduzioni e il 51% degli atti processuali. In entrambi i gradi di giudizio il trend di utilizzo del processo tributario telematico è in costante aumento, pur essendo facoltativo e quindi dipende dalle scelte effettuate dalle parti processuali.
 
 

pubblicato Mercoledì 20 Giugno 2018

Condividi su:
Liti tributarie pendenti -8,51% nel primo trimestre 2018

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

“Tregua fiscale”, l’Agenzia delinea il perimetro applicativo

Dopo la circolare n. 1/2023 con la quale l’Agenzia delle entrate ha fornito i primi chiarimenti relativi alla definizione agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni (vedi articolo “Definizione degli avvisi bonari, tutte le novità sulla misura di favore”), con la circolare n.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Versione finale per il 770/2023 e specifiche tecniche per l’Iva

Con due distinti provvedimenti del 27 gennaio 2023, siglati dal direttore dell’Agenzia, sono approvati, in via definitiva, il modello 770, che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare per comunicare i dati relativi alle ritenute operate nel 2022, e le specifiche tecniche, che consentiranno l’invio delle dichiarazioni Iva e Iva base, già approvate lo scorso 13 gennaio (vedi articolo “Modelli Iva e Iva base 2023: on line insieme alle istruzioni”).

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Pensione di invalidità australiana a italiano: è esentasse ovunque

La “Disability support pension” erogata dall’amministrazione australiana a un contribuente in possesso sia della doppia cittadinanza sia della doppia residenza italiana e australiana, vista la natura assistenziale dell’emolumento, non è imponibile nel Paese d’oltreoceano e nemmeno in Italia.

Attualità 27 Gennaio 2023

Aiuti di Stato emergenza Covid: una nuova faq sull’attestazione

La sezione Faq, riguardante il tema dell’“Autodichiarazione requisiti “Temporary framework”, si arricchisce di un nuovo chiarimento in risposta a una domanda (vedi articolo “Autodichiarazione aiuti di Stato Covid, aggiornate le Faq dell’Agenzia”).

torna all'inizio del contenuto