Attualità

30 Maggio 2018

Regime premiale studi di settore:presentati i risultati del 2016

Attualità

Regime premiale studi di settore:
presentati i risultati del 2016

Aumenta la media del “dichiarato” rispetto al corrispondente dato attribuibile all’intera platea di riferimento: ciò conferma la validità del sistema come strumento di compliance

Regime premiale studi di settore:|presentati i risultati del 2016
Si è rinnovato ieri il tradizionale appuntamento tra l’Agenzia delle entrate e le associazioni di categoria, per analizzare i risultati dell’applicazione del regime premiale introdotto dall’articolo 10, commi 9 e 10, del “decreto Salva Italia” (Dl 201/2011) all’annualità di imposta 2016. Sotto la lente, in particolare, i dati dichiarati dai contribuenti che hanno presentato studi di settore ammessi al regime premiale. Di grande interesse anche il lavoro presentato da Sose, partner metodologico dell’Agenzia, volto a valutare gli effetti del regime attraverso il confronto tra ciò che si osserva in termini di ricavi e redditi dopo l’introduzione del regime e ciò che si sarebbe osservato a parità di condizioni in assenza dello stesso (analisi del controfattuale).
 
Come funziona?
Il regime in argomento rappresenta uno degli strumenti di compliance introdotti nel nostro ordinamento negli ultimi anni per favorire sempre più un’adesione spontanea dei contribuenti a comportamenti fiscalmente corretti.
Lo schema ormai collaudato prevede, infatti, il riconoscimento di significative premialità per chi, dichiarando dati veritieri, raggiunge un risultato di congruità, coerenza e normalità.
In particolare, ai contribuenti in possesso delle condizioni di accesso al regime stesso sono riconosciuti i seguenti benefici:

  • preclusione degli accertamenti di tipo “analitico – presuntivo” (articoli 39, primo comma, lettera d), secondo periodo, del Dpr 600/1973, e 54, secondo comma, ultimo periodo, del Dpr 633/1972)
  • determinazione sintetica del reddito complessivo (articolo 38, Dpr 600/1973) ammessa solo a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un terzo quello dichiarato
  • riduzione di un anno del termine di decadenza per l’attività di accertamento effettuata ai fini delle imposte dirette e dell’IVA (articoli 43, primo comma, Dpr 600/1973, e 57, primo comma, Dpr 633/1972 – la disposizione non si applica in caso di violazione che comporta obbligo di denuncia ai sensi dell’articolo 331 del codice di procedura penale per uno dei reati previsti dal decreto legislativo 74/2000).

I risultati del 2016
I soggetti che, sulla base dei dati dichiarati, hanno avuto accesso al regime premiale per il periodo di imposta 2016 sono pari a 578.354, su 2.107.211 (circa il 27,4% della popolazione).
Tale dato è allineato con quello delle due annualità precedenti che avevano fatto registrare una significativa crescita rispetto al passato (grafico 1).
 

 grafico_1.png

(grafico 1)

 
I dati presentati hanno mostrato significativi effetti positivi sui comportamenti dichiarativi dei contribuenti interessati.
In particolare, è emerso che, per i soggetti interessati dal regime, si è registrato, per il periodo d’imposta 2016, un aumento di circa 3,86 miliardi di euro dei ricavi dichiarati e di circa 2,13 miliardi di euro dei redditi dichiarati.
 
Di particolare interesse anche il dato afferente i redditi e ricavi medi dichiarati dai soggetti premiati rispetto a quelli dichiarati dalla platea complessiva nell’annualità considerata.
Il dato medio dichiarato dai premiati, sensibilmente maggiore rispetto al corrispondente dato attribuibile all’intera platea di riferimento (vedi grafico 2), sembra confermare al contempo l’affidabilità dei soggetti che sono stati beneficiati dai premi e la validità del regime come strumento di compliance idoneo a stimolare condotte virtuose.
 
grafico_2.png
(grafico 2)

Chi accederà al regime nel 2017
Durante l’incontro l’Agenzia ha anche presentato le ipotesi di lavoro sul tavolo per il periodo di imposta 2017. Al riguardo, ricordiamo che il comma 12 dell’articolo 10 del Dl 201/2011 prevede che “con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, sentite le associazioni di categoria, possono essere differenziati i termini di accesso alla disciplina di cui al presente articolo tenuto conto del tipo di attività svolta dal contribuente”.
 
In proposito, tenuto conto dei risultati dell’applicazione del regime premiale al periodo 2016 e del fatto che gli studi di settore in vigore per il periodo d’imposta 2017 non sono stati modificati rispetto al 2016, è stata manifestata la volontà di confermare i medesimi criteri di individuazione degli studi di settore che consentono l’accesso al regime premiale della precedente annualità.
 
Si tratterebbe, pertanto, dei 155 studi di settore per i quali risultano approvati indicatori di coerenza economica riferibili ad almeno quattro delle seguenti tipologie:
a) efficienza e produttività del fattore lavoro
b) efficienza e produttività del fattore capitale
c) efficienza di gestione delle scorte
d) redditività
e) struttura
o a tre delle tipologie sopra indicate e che contemporaneamente prevedono l’indicatore “Indice di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti”.
La conferma dei criteri 2016 al 2017 consentirebbe di stimare che il regime premiale possa trovare applicazione per una platea complessiva di più di 2 milioni di contribuenti di cui quasi il 26% avrebbe accesso ai benefici (circa 533mila soggetti).
 
On line i dati dell’incontro
Tutta la documentazione presentata durante l’incontro dall’Agenzia e da Sose è consultabile sul sito dell’Agenzia delle entrate.
 

Enrico Polella

pubblicato Giovedì 31 Maggio 2018

Condividi su:
Regime premiale studi di settore:presentati i risultati del 2016

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto