Attualità

11 Maggio 2018

Cinque per mille 2018:aumentano le richieste

Attualità

Cinque per mille 2018:
aumentano le richieste

Oltre 48mila dal mondo del volontariato, quasi 11mila dalle associazioni sportive dilettantistiche, 480 dagli enti della ricerca scientifica e dell’Università, 106 da quelli della salute

Cinque per mille 2018:|aumentano le richieste
Sul sito dell’Agenzia delle entrate sono disponibili gli elenchi provvisori dei soggetti che hanno presentato domanda di iscrizione per accedere al beneficio del 5 per mille per l’esercizio finanziario 2018 (anno d’imposta 2017).
Il trend del 5 per mille non si ferma, anzi, continua a crescere. Quest’anno sono quasi 60mila i “candidati” alla ripartizione del beneficio, con ben 5mila nuove richieste rispetto allo scorso anno.
 
Gli elenchi pubblicati oggi riguardano gli enti del volontariato, della ricerca scientifica e dell’Università, della ricerca sanitaria e le associazioni sportive dilettantistiche, che svolgono una rilevante attività di carattere sociale.
 
Questo il dettaglio dei numeri:

  • 59.392 sono i potenziali beneficiari
  • 5.301 sono i nuovi iscritti
  • 48.266 (oltre l’80% del totale) sono le richieste presentati dagli enti del volontariato
  • 10.540 istanze provengono dalle associazioni sportive dilettantistiche
  • 480 sono, invece, le richieste degli enti della ricerca scientifica e dell’Università
  • 106 le istanze degli enti della salute. 

Calendario
Queste le scadenze da ricordare per i prossimi messi:

  • 21 maggio – termine per la presentazione all’Agenzia delle entrate delle richieste di correzione di errori di iscrizione negli elenchi provvisori degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche
  • 25 maggio – pubblicazione della versione aggiornata degli elenchi degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche
  • 2 luglio – termine entro il quale gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche devono inviare, rispettivamente all’Agenzia delle entrate e all’ufficio del Coni territorialmente competente, le dichiarazioni sostitutive per i nuovi iscritti del 2018, che non sono presenti nell’elenco permanente
  • 1° ottobre – termine per la regolarizzazione della domanda di iscrizione per il 2018 e/o delle successive integrazioni documentali.

pubblicato Venerdì 11 Maggio 2018

Condividi su:
Cinque per mille 2018:aumentano le richieste

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Tasse automobilistiche Valle d’Aosta, soppressi i vecchi bollettini

Alla luce della piena attuazione delle misure che attribuiscono alla Regione Valle d’Aosta a partire dal 1° gennaio 2010, il compito di riscuotere direttamente le tasse automobilistiche, vanno in pensione il bollettino generico per il ciclomotore con banda verde, quello per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi con banda rossa e quello per il riversamento tasse automobilistiche con banda grigia.

Dati e statistiche 26 Maggio 2022

Dal Mef analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali 2021

Il dipartimento delle Finanze rende note con il comunicato odierno le statistiche riguardanti gli Isa, le dichiarazioni delle persone fisiche titolari di partita Iva e in base al reddito prevalente trasmesse dai contribuenti nel 2021, relative al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Contributi al social manager, obblighi di comunicazione della Pa

Con la risposta n. 308 del 26 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che l’obbligo di comunicazione a carico dell’ente pubblico che corrisponde ad imprese commerciali contributi assoggettabili a ritenuta d’acconto, previsto dalle disposizioni relative all’anagrafe tributaria ed al codice fiscale dei contribuenti, è in concreto assolto mediante l’inserimento dei dati nel quadro SF del modello 770, da inviare annualmente entro il 31 ottobre di ogni anno.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

La società titolare è consenziente, via al Superbonus per il locatario

Gli interventi edilizi agevolabili, effettuati su una unità abitativa detenuta in locazione, “funzionalmente indipendente” e con “uno o più accessi autonomi dall’esterno”, sono ammessi al Superbonus, indipendentemente dalla circostanza che l’immobile sia ubicato in un edificio escluso dall’agevolazione, perché di proprietà di una società di capitali.

torna all'inizio del contenuto