Attualità

11 Maggio 2018

C’è tempo fino al 15 maggioper “rottamare” le cartelle

Attualità

C’è tempo fino al 15 maggio
per “rottamare” le cartelle

Per fornire massima assistenza ai cittadini, domani gli sportelli degli uffici resteranno aperti a partire dalle 8,15 e fino alle 13,15 (non saranno attivi, però, i servizi di cassa)

C’è tempo fino al 15 maggio|per “rottamare” le cartelle
Scade martedì 15 maggio il termine per presentare la domanda di “rottamazione” delle cartelle (definizione agevolata).
 
L’Agenzia delle entrate-Riscossione, con un comunicato stampa diffuso oggi, ricorda che, per fornire massima assistenza ai cittadini, domani, sabato 12 maggio, gli sportelli degli uffici resteranno aperti dalle 8,15 alle 13,15 (non saranno attivi, però, i servizi di cassa). L’elenco completo degli sportelli operativi è disponibile qui.
L’Agenzia, inoltre, sottolinea che quello di domani è il primo dei cinque sabati di apertura straordinaria previsti dal nuovo contratto collettivo nazionale siglato a marzo.
 
Tutte le informazioni necessarie per aderire alla definizione agevolata sono disponibili nell’apposita sezione del portale dell’Agenzia delle entrate-Riscossione.
 
Infine, si ricorda che da lunedì 7 maggio sono in vigore i nuovi orari prolungati di sportello, che, nelle grandi città, prevedono l’apertura anche di pomeriggio. Per conoscere facilmente e rapidamente l’orario dettagliato di ogni singola sede è possibile utilizzare il servizio “Trova sportello”.

pubblicato Venerdì 11 Maggio 2018

Condividi su:
C’è tempo fino al 15 maggioper “rottamare” le cartelle

Ultimi articoli

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Piano di welfare aziendale Il benefit alla prova fiscale

Le utilità a carattere premiale legate al raggiungimento di uno specifico obiettivo economico di fatturato, dettagliatamente specificate nei Regolamenti aziendali di welfare ed erogate da una società ai dipendenti, non concorrono (quasi in toto) alla formazione del reddito di lavoro dipendente, perché destinate a beneficiari indistinti.

torna all'inizio del contenuto