Dati e statistiche

7 Maggio 2018

Anche nel I trimestre 2018 buon risultato per le entrate

Dati e statistiche

Anche nel I trimestre 2018
buon risultato per le entrate

Tutti i settori (imposte dirette e indirette, giochi e attività di accertamento e controllo sulle imposte indirette) contribuiscono al buon andamento del gettito nelle casse erariali

Anche nel I trimestre 2018 |buon risultato per le entrate
Nel primo trimestre 2018 (gennaio-marzo) le entrate tributarie erariali si attestano a quota 97.058 milioni di euro, segnando un incremento di 2.623 milioni di euro (pari a +2,8%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il risultato è stato raggiunto grazie al contributo precipuo delle imposte dirette (+2,9%) e indirette (+2,6%).
I dati sono pubblicati nel bollettino disponibile sul sito del dipartimento delle Finanze con le appendici statistiche e la nota tecnica.

Le dirette
Ancora una volta la parte del leone spetta alle imposte dirette che contribuiscono al buon andamento del gettito erariale con in importo di 54.472 milioni di euro, in aumento di 1.549 milioni di euro (+2,9%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
La crescita è dovuta in particolar modo all’apporto dell’Irpef sui lavoratori e pensionati che concorrono con +1.807 milioni di euro (pari a +2,5%).
Il gettito dell’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze partecipa in modo significativo con un apporto del +57%, dovuto al versamento, nel mese di febbraio, dell’imposta sui risultati della gestione individuale di portafoglio in regime di risparmio gestito, che riflette i risultati positivi dell’andamento dei mercati nel 2017.
Buono il gettito dell’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione (+38,8%), che fa risaltare i risultati positivi dei rendimenti medi ottenuti nel 2017 dalle diverse tipologie di forme pensionistiche complementari, e quello della sostitutiva e delle ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale (+8,8%).
Infine, risulta positivo l’andamento dell’Ires che registra una crescita di 112 milioni di euro (+11,2%).

Le indirette
Buona anche la crescita del gettito dovuto alle imposte indirette (che ammonta a 42.586 milioni di euro) pari a +1.074 milioni di euro (+2,6%). Il risultato è dovuto all’andamento del gettito Iva (+359 milioni di euro, +1,5%) trainato dalla componente sugli scambi interni che cresce di 324 milioni di euro, mentre quella relativa alle importazioni dà un apporto di 35 milioni di euro.
Continua, anche in questo periodo, l’andamento positivo dell’imposta di registro che apporta alle casse dello Stato un importo di 143 milioni di euro pari a +12,6%.

I giochi
Anche in questo campo si riscontra un andamento positivo delle entrate derivanti dai giochi che ammontano, nel primo trimestre del 2018, a 3.719 milioni di euro con una variazione positiva di 267 milioni di euro (+7,7%), rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

I ruoli
Il gettito delle entrate tributarie derivanti dalle attività di accertamento e controllo si attesta a 1.696 milioni (-57 milioni di euro, pari a -2,9%) di cui 1.061 milioni (-144 milioni di euro -12,0%) provengono dalle imposte dirette e 908 milioni (+ 86 milioni di euro,+10,5%) dalle imposte indirette.
 

pubblicato Lunedì 7 Maggio 2018

Condividi su:
Anche nel I trimestre 2018 buon risultato per le entrate

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto