Attualità

2 Maggio 2018

Salvatore Padula nuovo capoufficio Stampa dell’Agenzia

Attualità

Salvatore Padula nuovo capo
ufficio Stampa dell’Agenzia

A dirigere la Comunicazione sarà, invece, Sergio Mazzei. L’attuale articolazione si inserisce nella riorganizzazione che ha recentemente interessato le strutture centrali delle Entrate

Salvatore Padula nuovo capo|ufficio Stampa dell’Agenzia
Salvatore Padula e Sergio Mazzei sono stati incaricati di dirigere rispettivamente l’ufficio Stampa e l’ufficio Comunicazione dell’Agenzia delle entrate. A renderlo noto è la stessa Amministrazione con un comunicato stampa.
 
Le attività di comunicazione dell’Agenzia
A seguito della riorganizzazione delle strutture centrali, le attività di comunicazione delle Entrate sono state ripartite tra l’ufficio Stampa e l’ufficio Comunicazione, entrambi di staff al direttore, con l’obiettivo di valorizzare al meglio la distinzione tra la struttura preposta ai rapporti con la stampa e con i media e quella deputata alla comunicazione ai contribuenti.
 
Ufficio Comunicazione
Il nuovo ufficio Comunicazione svolge le seguenti attività:

  • gestione, aggiornamento e sviluppo del sito internet
  • pubblicità legale dei provvedimenti del direttore
  • promozione di strumenti tecnologici innovativi per la comunicazione ai contribuenti
  • organizzazione di manifestazioni ed eventi a carattere istituzionale
  • organizzazione e gestione delle campagne informative
  • elaborazione di progetti per la divulgazione ai contribuenti di informazioni di carattere fiscale. 

Dell’ufficio fa parte la sezione Pubblicazioni on line, a cui è affidata la comunicazione istituzionale mediante strumenti telematici e la predisposizione e diffusione di documenti informativi, guide e opuscoli di approfondimento, anche in formato elettronico.
 
Capo dell’ufficio Comunicazione è Sergio Mazzei, già dirigente della Comunicazione dell’Agenzia.
 
Ufficio Stampa
L’ufficio si occupa:

  • dei rapporti con gli organi di informazione e con gli altri interlocutori istituzionali
  • del coordinamento dell’attività delle Direzioni regionali in materia di rapporti con gli organi di informazione. 

La responsabilità dell’ufficio Stampa è affidata a Salvatore Padula, che da oggi assume l’incarico di capo ufficio Stampa.

Laureato in Scienze politiche, 59 anni, Padula è giornalista professionista. Dopo le esperienze a ItaliaOggi e Mondadori, nel 1989 è entrato a far parte della redazione del Sole 24 Ore, dove nel corso degli anni è stato caporedattore della redazione di Norme & Tributi, caporedattore centrale, responsabile del Sole 24 Ore del Lunedì, coordinatore dell’informazione normativa (sia cartacea sia digitale) e, dal 2013 al giugno 2017, vicedirettore con delega all’informazione normativa e di servizio, anche on line, e all’edizione del Sole del Lunedì.

pubblicato Mercoledì 2 Maggio 2018

Condividi su:
Salvatore Padula nuovo capoufficio Stampa dell’Agenzia

Ultimi articoli

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Piano di welfare aziendale Il benefit alla prova fiscale

Le utilità a carattere premiale legate al raggiungimento di uno specifico obiettivo economico di fatturato, dettagliatamente specificate nei Regolamenti aziendali di welfare ed erogate da una società ai dipendenti, non concorrono (quasi in toto) alla formazione del reddito di lavoro dipendente, perché destinate a beneficiari indistinti.

torna all'inizio del contenuto