Normativa e prassi

2 Maggio 2018

Fabbricati “D” non accatastati:i coefficienti 2018 per Imu e Tasi

Normativa e prassi

Fabbricati “D” non accatastati:
i coefficienti 2018 per Imu e Tasi

Devono essere utilizzati per determinare la base imponibile, per il calcolo dei due tributi locali, degli immobili posseduti da imprese che li hanno distintamente contabilizzati in bilancio

Fabbricati “D” non accatastati:|i coefficienti 2018 per Imu e Tasi
Arriva il tradizionale aggiornamento dei coefficienti per il calcolo dell’Imu e della Tasi, relativi ai fabbricati appartenenti al gruppo catastale D (capannoni, centri commerciali, eccetera), che non risultano iscritti in catasto al 1° gennaio dell’anno di imposizione.

A stabilire i nuovi valori, validi per il 2018, è il decreto Mef del 19 aprile, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 30 aprile.

In linea generale, la base imponibile dell’Imu è costituita dal valore dell’immobile determinato secondo le regole previste per la soppressa Ici dall’articolo 5, commi 1, 3, 5 e 6, Dlgs 504/1992 (articolo 13, comma 3,m Dl 201/2011) e la base imponibile della Tasi è quella prevista per l’applicazione dell’Imu (articolo 1, comma 675, legge 147/2013).

Più precisamente, in base a quanto previsto dal ricordato articolo 5, comma 3, la base imponibile dei fabbricati, non iscritti in catasto e perciò senza rendita certa, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, viene determinata ogni anno, fino all’attribuzione della rendita, applicando al valore che risulta dalle scritture contabili, al lordo delle quote di ammortamento, i coefficienti ministeriali definiti con apposito decreto.
 
Questi i coefficienti di riferimento per calcolare Imu e Tasi per il 2018:
 

per l’anno 2018 = 1,01  per l’anno 1999 = 1,53
per l’anno 2017 = 1,01  per l’anno 1998 = 1,55
per l’anno 2016 = 1,01  per l’anno 1997 = 1,59
per l’anno 2015 = 1,02  per l’anno 1996 = 1,64
per l’anno 2014 = 1,02  per l’anno 1995 = 1,69
per l’anno 2013 = 1,02  per l’anno 1994 = 1,74
per l’anno 2012 = 1,05  per l’anno 1993 = 1,78
per l’anno 2011 = 1,08  per l’anno 1992 = 1,79
per l’anno 2010 = 1,09  per l’anno 1991 = 1,83
per l’anno 2009 = 1,10  per l’anno 1990 = 1,91
per l’anno 2008 = 1,15  per l’anno 1989 = 2,00
per l’anno 2007 = 1,19  per l’anno 1988 = 2,09
per l’anno 2006 = 1,22  per l’anno 1987 = 2,26
per l’anno 2005 = 1,26  per l’anno 1986 = 2,44
per l’anno 2004 = 1,33  per l’anno 1985 = 2,61
per l’anno 2003 = 1,37  per l’anno 1984 = 2,79
per l’anno 2002 = 1,42  per l’anno 1983 = 2,96
per l’anno 2001 = 1,46  per l’anno 1982 e anni precedenti = 3,13
per l’anno 2000 = 1,51  

pubblicato Mercoledì 2 Maggio 2018

Condividi su:
Fabbricati “D” non accatastati:i coefficienti 2018 per Imu e Tasi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

Attualità 26 Gennaio 2022

Contributi editoria, precisazioni per presentare l’istanza corretta

Le imprese editrici che nel 2021 hanno provveduto ad adeguare l’assetto societario ai requisiti previsti dalla legge per beneficiare dei contributi a favore del settore, devono presentare, entro il prossimo 31 gennaio, la domanda di accesso alla sovvenzione nell’attuale configurazione giuridica, indicando la tipologia per la quale il bonus è richiesto tenuto conto della prevalenza della forma societaria nel corso dell’anno.

Analisi e commenti 26 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 11 Piani di risparmio con più appeal

L’ultima legge di bilancio, al fine di potenziare i benefici, fiscali per gli investitori, di liquidità per i riceventi, legati ai piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir) ha previsto, da un lato, per i piani tradizionali, un aumento del tetto massimo relativo all’investimento annuale consentito, per quelli alternativi, meno paletti.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

Sì alla variazione in diminuzione se l’infruttuosità del credito è certa

Per le procedure concorsuali avviate prima del 26 maggio 2021 (data di entrata in vigore del Dl n.

torna all'inizio del contenuto