Attualità

26 Aprile 2018

Entro il 30 aprile, la dichiarazionedegli eredi per conto del de cuius

Sei mesi oltre la scadenza naturale prevista (l’anno scorso posticipata al 31 ottobre), per i decessi avvenuti nei quattro mesi precedenti (dal 1° luglio al 31 ottobre 2017)

Entro lunedì 30 aprile, gli eredi devono presentare la dichiarazione del parente defunto, inviando il modello Redditi Pf 2017 (anno d’imposta 2016), esclusivamente per via telematica. Inoltre, possono portare in diminuzione l’eventuale rimborso da 730, che il sostituto d’imposta non ha potuto erogare a seguito dell’infausto evento.
 
In linea generale, è previsto che tutti i termini pendenti alla data della morte del contribuente, o scadenti entro quattro mesi dall’evento, sono prorogati di sei mesi in favore degli eredi (articolo 65, terzo comma, Dpr 600/1973).
Pertanto, per presentare la dichiarazione dei redditi delle persone decedute tra il 1° luglio e il 31 ottobre 2017 (Redditi Pf 2017, anno d’imposta 2016, la cui scadenza naturale del 30 settembre, l’anno scorso è stata posticipata al 31 ottobre) il termine ultimo è il prossimo 30 aprile.
 
Compilazione
Per le persone decedute, la dichiarazione deve essere presentata da uno degli eredi. Sul frontespizio di Redditi Pf 2017, devono essere indicati il codice fiscale e gli altri dati personali del contribuente defunto e barrata la casella 6 (deceduto).
L’erede, invece, deve riportare le proprie generalità, compilando l’apposito riquadro del frontespizio “Riservato a chi presenta la dichiarazione per altri”, secondo le indicazioni fornite nelle istruzioni, e sottoscrivere la dichiarazione. Deve anche specificare, nella casella “Codice carica”, il numero “7”, per indicare che presenta la dichiarazione in qualità di erede nonché la data del decesso del congiunto.
 
Presentazione
La scadenza del 30 aprile, quindi, riguarda gli eredi delle persone decedute tra il 1° luglio e il 31 ottobre 2017, tenuti a presentare la dichiarazione esclusivamente in via telematica.
 
È importante sapere che se nel 2016 la persona deceduta aveva presentato il modello 730, dal quale risultava un credito che non è stato rimborsato dal sostituto d’imposta a causa del decesso, l’erede può portare il credito Irpef in diminuzione nella dichiarazione presentata per conto del de cuius.
 
Di seguito una tabella esplicativa con i termini di presentazione della dichiarazione da parte degli eredi, diversi a seconda della data dell’evento luttuoso e della modalità (cartacea ovvero telematica) utilizzata.

scadenza_30_aprile.png

Versamenti
La disposizione dettata dall’articolo 65 del Dpr 600/1973 (slittamento di sei mesi per gli adempimenti in scadenza entro quattro mesi dal decesso) trova applicazione anche con riferimento ai versamenti.
Pertanto:

  • per le persone decedute nel 2016 o entro il 28 febbraio 2017, i versamenti dovevano essere effettuati dagli eredi nei termini ordinari
  • per le persone decedute successivamente al 28 febbraio 2017, i termini per pagare le imposte risultanti da Redditi 2017 – prorogati di sei mesi – sono scaduti il 30 dicembre scorso.
Condividi su:
Entro il 30 aprile, la dichiarazionedegli eredi per conto del de cuius

Ultimi articoli

Normativa e prassi 30 Giugno 2022

Pagamenti con Pos: informazioni dalla banca all’Agenzia via PagoPa

Gli operatori finanziari che mettono a disposizione degli esercenti gli strumenti di pagamento elettronico devono comunicare, all’Agenzia delle entrate, transitando per PagoPa, i dati identificativi dei Pos forniti ai commercianti e gli importi complessivi degli incassi giornalieri effettuati tramite ogni singolo terminale.

Normativa e prassi 30 Giugno 2022

Previdenza dei giornalisti all’Inps: le causali contributo si adeguano

Dopo il trasferimento della funzione previdenziale svolta dall’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (Inpgi) all’Inps, limitatamente alla gestione sostitutiva, con effetto dal 1° luglio 2022 (articolo 1, comma 103, legge n.

Attualità 30 Giugno 2022

26° assemblea generale dello Iota, Italia membro del Consiglio esecutivo

L’Italia farà parte del nuovo Consiglio esecutivo Iota.

Attualità 30 Giugno 2022

Elenchi del 5 per mille 2022: è l’ora della dichiarazione sostitutiva

Ultimo giorno a disposizione per inviare, a pena di decadenza, da parte dei rappresentanti legali degli enti del volontariato, delle associazioni sportive dilettantistiche e degli enti senza scopo di lucro che hanno presentato domanda di iscrizione al riparto del 5‰ dell’Irpef per l’anno finanziario 2022 la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà nel caso di variazione del rappresentante legale.

torna all'inizio del contenuto