Attualità

26 Aprile 2018

Entro il 30 aprile, la dichiarazionedegli eredi per conto del de cuius

Sei mesi oltre la scadenza naturale prevista (l’anno scorso posticipata al 31 ottobre), per i decessi avvenuti nei quattro mesi precedenti (dal 1° luglio al 31 ottobre 2017)

Entro lunedì 30 aprile, gli eredi devono presentare la dichiarazione del parente defunto, inviando il modello Redditi Pf 2017 (anno d’imposta 2016), esclusivamente per via telematica. Inoltre, possono portare in diminuzione l’eventuale rimborso da 730, che il sostituto d’imposta non ha potuto erogare a seguito dell’infausto evento.
 
In linea generale, è previsto che tutti i termini pendenti alla data della morte del contribuente, o scadenti entro quattro mesi dall’evento, sono prorogati di sei mesi in favore degli eredi (articolo 65, terzo comma, Dpr 600/1973).
Pertanto, per presentare la dichiarazione dei redditi delle persone decedute tra il 1° luglio e il 31 ottobre 2017 (Redditi Pf 2017, anno d’imposta 2016, la cui scadenza naturale del 30 settembre, l’anno scorso è stata posticipata al 31 ottobre) il termine ultimo è il prossimo 30 aprile.
 
Compilazione
Per le persone decedute, la dichiarazione deve essere presentata da uno degli eredi. Sul frontespizio di Redditi Pf 2017, devono essere indicati il codice fiscale e gli altri dati personali del contribuente defunto e barrata la casella 6 (deceduto).
L’erede, invece, deve riportare le proprie generalità, compilando l’apposito riquadro del frontespizio “Riservato a chi presenta la dichiarazione per altri”, secondo le indicazioni fornite nelle istruzioni, e sottoscrivere la dichiarazione. Deve anche specificare, nella casella “Codice carica”, il numero “7”, per indicare che presenta la dichiarazione in qualità di erede nonché la data del decesso del congiunto.
 
Presentazione
La scadenza del 30 aprile, quindi, riguarda gli eredi delle persone decedute tra il 1° luglio e il 31 ottobre 2017, tenuti a presentare la dichiarazione esclusivamente in via telematica.
 
È importante sapere che se nel 2016 la persona deceduta aveva presentato il modello 730, dal quale risultava un credito che non è stato rimborsato dal sostituto d’imposta a causa del decesso, l’erede può portare il credito Irpef in diminuzione nella dichiarazione presentata per conto del de cuius.
 
Di seguito una tabella esplicativa con i termini di presentazione della dichiarazione da parte degli eredi, diversi a seconda della data dell’evento luttuoso e della modalità (cartacea ovvero telematica) utilizzata.

scadenza_30_aprile.png

Versamenti
La disposizione dettata dall’articolo 65 del Dpr 600/1973 (slittamento di sei mesi per gli adempimenti in scadenza entro quattro mesi dal decesso) trova applicazione anche con riferimento ai versamenti.
Pertanto:

  • per le persone decedute nel 2016 o entro il 28 febbraio 2017, i versamenti dovevano essere effettuati dagli eredi nei termini ordinari
  • per le persone decedute successivamente al 28 febbraio 2017, i termini per pagare le imposte risultanti da Redditi 2017 – prorogati di sei mesi – sono scaduti il 30 dicembre scorso.
Condividi su:
Entro il 30 aprile, la dichiarazionedegli eredi per conto del de cuius

Ultimi articoli

Attualità 15 Aprile 2021

Cessione credito o sconto in fattura. Countdown per la comunicazione

Scade oggi, 15 aprile 2021, il termine per comunicare, all’Agenzia delle entrate, la scelta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, al posto dell’utilizzo diretto del Superbonus nella propria dichiarazione dei redditi, in relazione alle spese sostenute nel 2020.

Attualità 14 Aprile 2021

Imposta di bollo sulle e-fatture, una guida al corretto adempimento

È online nella sezione “l’Agenzia informa”, all’interno dell’area tematica “Fattura elettronica e corrispettivi telematici” e su questa rivista la nuova guida “L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche”, che segue il provvedimento del 4 febbraio scorso, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ruffini, in materia di integrazione delle fatture elettroniche sulle quali è dovuta l’imposta di bollo e della messa a disposizione da parte dell’Agenzia per i soggetti Iva della relativa procedura web (vedi articolo “Imposta di bollo sulle e-fatture, il nuovo servizio per gli operatori”).

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Cucine arredate a Iva ordinaria, anche se tutt’uno con le case cedute

La cessione di cucine arredate, inglobate in unità abitative oggetto di compravendita (cessione “a corpo”), sconta l’Iva ordinaria “in tutti i sensi”, sia verso il cliente finale sia al passaggio dal produttore alla società immobiliare.

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Definite le specifiche tecniche per trasmettere i dati Irap 2021

Definite, con il provvedimento del 13 aprile 2021, siglato dal direttore dell’Agenzia Ruffini, le specifiche tecniche, in formato xml, da utilizzare, tramite l’Agenzia delle entrate, per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2021.

torna all'inizio del contenuto