Attualità

21 Aprile 2018

Dal 16 al 20 aprile, un milionedi accessi alla precompilata

Attualità

Dal 16 al 20 aprile, un milione
di accessi alla precompilata

Durante i primi quattro giorni dal lancio della piattaforma on line, l’Agenzia delle entrate ha registrato un incremento del 60% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

Dal 16 al 20 aprile, un milione|di accessi alla precompilata
Nei primi quattro giorni dal lancio della piattaforma on line, dal 16 al 20 aprile, gli accessi alla dichiarazione precompilata sono stati oltre un milione, con un incremento del 60% rispetto allo scorso anno. A comunicarlo è l’Agenzia delle entrate, che traccia così un primo bilancio della nuova stagione dichiarativa.
 
Precompilata sempre più ricca
La precompilata 2018 è ancora più completa e dettagliata. Sono circa 925 milioni, infatti, le informazioni già inserite nei modelli: dai redditi da lavoro dipendente a quelli da pensione, dalle spese sanitarie a quelle per le ristrutturazioni edilizie, passando per le spese universitarie, assicurative e quelle relative agli interessi sui mutui, nonché le spese per le rette degli asili nido e quelle veterinarie, oltre alle informazioni catastali sugli immobili.
 
Nuova funzionalità di compilazione assistita
Quest’anno i contribuenti, che decidono di modificare il proprio 730 precompilato, possono contare su una nuova funzionalità di compilazione assistita del quadro E (relativo agli oneri detraibili e deducibili). In questo modo, modificare e integrare i dati sarà ancora più semplice e veloce.
 
Stop ai controlli
L’Agenzia ricorda che, in caso di dichiarazione precompilata accettata in autonomia e senza modifiche, non sarà più richiesta la documentazione che attesta il sostenimento delle spese che danno diritto a deduzioni e detrazioni (ad esempio, scontrini e fatture).
Niente controlli anche per i contribuenti che hanno inviato, con o senza modifiche, il 730 tramite Caf e professionisti: in questo caso, infatti, la documentazione dovrà essere esibita dagli intermediari.
Inoltre, se il cittadino decide di modificare o di integrare la propria precompilata, l’Agenzia effettuerà il controllo documentale solo sui dati aggiunti o rettificati. Nessuna verifica, invece, per i dati non variati.
 
Rimborsi
Con la precompilata, poi, l’Agenzia elabora i dati e calcola anche le imposte da pagare o il credito spettante al cittadino. In quest’ultimo caso, chi ha utilizzato il 730 riceverà il rimborso direttamente dal datore di lavoro (in busta paga) o dall’ente pensionistico (con la rata della pensione). Chi invece non ha un sostituto d’imposta (ad esempio, perché ha perso il lavoro durante l’anno) riceverà il rimborso direttamente dall’Agenzia delle entrate mediante accredito sul proprio conto corrente bancario o postale (se il contribuente ha provveduto a indicare on line il suo codice Iban).
 
Assistenza
I cittadini hanno a disposizione diversi canali di assistenza:

  • un sito internet dedicato
  • i numeri telefonici 848.800.444 (da rete fissa), 06 966.689.07 (da cellulare) e +39 06.966.689.33 (dall’estero), operativi dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17, e il sabato, dalle 9 alle 13
  • la pagina Facebook ufficiale dell’Agenzia, utilizzando la chat Messenger
  • la possibilità di prenotare online un appuntamento in ufficio con un funzionario.

pubblicato Domenica 22 Aprile 2018

Condividi su:
Dal 16 al 20 aprile, un milionedi accessi alla precompilata

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto